Dominazione

Una nuova vita Capitolo 1

Capitolo 1

Ormai è fatta, ho preso il coraggio a quattro mani ed avviato la mia attività in proprio.

Per 15 anni ho lavorato per gli altri, impegnandomi a percorrere tutti gradini della scala da venditore a direttore commerciale, finalmente sono riuscito a realizzare il mio sogno: "Una ditta nella quale mettere a frutto tutta l’esperienza maturata negli anni per fare il miglioramento in termini di qualità della vita e di ritorno economico cui ho sempre aspirato".

Gli ultimi mesi sono stati i più duri della mia vita, con imprevisti e difficoltà non valutabili che mi hanno portato più volte alla disperazione, ma gli anni d’esperienza e la determinazione di non farmi sconfiggere proprio ora, mi hanno permesso di superare tutto.

Ora, solo nel mio nuovo ufficio la sera prima dell’inaugurazione mi sto davvero godendo con gli occhi quanto sono riuscito a realizzare.

Ad un tratto suona il campanello dell’ingresso e nel monitor vedo una sagoma femminile.

Sorpreso per la visita apro il portoncino e vado ad accoglierla  “Ciao Antonella, a cosa devo l’improvvisata?” – lei mi risponde rapida – “Ho accompagnato Giovanni in palestra ed ero qui in giro, siccome hai detto a mia sorella di aver completato tutto ho pensato di venire a vedere l’azienda in anteprima, ma se disturbo vado via” - ed aggiunge con un sorriso malizioso – “magari sei già appartato con la segretaria e non vorrei interrompere l’inaugurazione privata” – “In realtà la segretaria è l’unica persona che non ho ancora assunto” - le dico – “anzi probabilmente lo farà Paola, almeno per mezza giornata mi ha assicurato che sarebbe felice di aiutarmi lei, ed in questo momento sinceramente evitare uno stipendio mi farebbe comodo” La vedo improvvisamente rabbuiarsi in viso, come se si fosse smontato il piano che aveva in mente – “Dai vieni” – continuo – “ti faccio fare un giro così approfitto del tuo buon gusto e mi dai qualche consiglio sulla sistemazione degli arredi”

L’abbraccio alla vita ed inizio a girare per lo stabilimento mostrandole i macchinari, le varie funzioni delle attrezzature e pavoneggiandomi anche un po’ per le tecnologie impiegate. A poco a poco la sento rilassarsi sul mio fianco, e andando da soli in giro per il capannone mi sento sempre più su di giri.

Antonella è la sorella di mia moglie, più piccola di qualche anno e completamente diversa da lei. Una moretta alta 1,60 tutta pepe fisicamente e caratterialmente, tanto che più di una volta siamo arrivati ai ferri corti.

E’ sempre stata molto arrivista e quando si è sposata in molti abbiamo pensato che la sua scelta fosse dettata più dal patrimonio dello sposo che da altro. D’altronde la figura pingue, bassa e prematuramente intaccata dalla calvizie, unita all’ottima posizione dell’azienda di famiglia dello sposo non giocava a favore di quanti volevano immaginarla innamorata del marito. In ogni caso alla distanza la sua scelta si era rivelata davvero infelice, non appena acquisita la titolarità dell’azienda, il marito si era contraddistinto per una serie di scelte imbecilli che l’avevano portato nel giro di pochi anni a dover vendere l’attività per evitare il fallimento ed ora faceva l’impiegato in quella che era stata l’azienda di famiglia.

La voglia di lusso ed i suoi sogni di gloria erano quindi accantonati nell’attesa di tempi migliori, e Antonella si trovava esattamente nella situazione che aveva sempre disprezzato: un marito impiegato e lei casalinga con uno stipendio da gestire per mandare avanti la casa e crescere il figlio.

Questa sera è in pieno tiro, con un vestito estivo che pone l’accento sulla sua ancora splendida figura, i capelli neri appena acconciati ed un trucco che esalta i lineamenti da egiziana ed i suoi incredibili occhi cerulei.

“Va bene allora vado, magari Roberto finisce prima stasera” – mi dice accennando ad andarsene, io la trattengo – “Ma come già vai via, non hai ancora visto gli uffici che sono la parte dove veramente vorrei che mi dicessi la tua” – si lascia condurre nella reception ed io continuo – “Sai qui ho lasciato mano libera all’architetto e non vorrei che fosse un po’ eccessivo” – le indico la sala riunioni e faccio un rapido giro per le stanze fino ad arrivare al mio ufficio, vedo nel suo viso lo stupore per gli arredi e le finiture che sono veramente uno splendido colpo d’occhio. Il suo sguardo si sofferma sul fermacarte in ebano, di forma decisamente fallica, che ho preso come souvenir in un mio viaggio in Kenia e che ho sempre sulla scrivania perché sono convinto che mi porti fortuna.

Mi siedo alla mia poltrona e lei, poggiandosi appena sul bordo della scrivania, si lascia andare ai complimenti – “Davvero non pensavo che fosse tutto così elegante, ti sarà costato una fortuna  ma è veramente bellissimo, i clienti ne rimarranno entusiasti” - io mi schermisco – “Adesso però bisognerà produrre e vendere, quindi le rogne vere inizieranno solo da domani, tutto l’orgoglio che provo da stamattina sta iniziando a scemare di fronte alle difficoltà che mi aspettano ed inizia a tornarmi l’ansia” – Lei mi guarda con un velo di tristezza e rabbia negli occhi e mi poggia una mano sulla gamba – “Tu hai dimostrato già di essere in gamba e sono certa che così come hai messo in piedi tutto questo riuscirai sicuramente a mandarlo avanti, non come...vabbé mi hai capito” poi cambia completamente atteggiamento e continua “Comunque te lo confesso, avevo pensato di poterti esserti utile, come segretaria per esempio, ma se mi dici che hai già Paola non fa niente, vuol dire che mi ero costruita un castello in aria e dovrò cercare altrove” – la gonna le è salita sulla coscia lasciando intravedere il pizzo delle autoreggenti – “Ma sai, ho sentito dire che nei colloqui di lavoro spesso fanno degli approcci pesanti ed avevo pensato...” – La guardo senza proferire parole nè staccare gli occhi dalla coscia sempre più scoperta – “Che magari se devo sottostare alle voglie di un titolare, me lo scelgo come piace a me” - la gonna è ormai abbondantemente oltre il bordo dell’autoreggente e lei continua a tenere la mano sulla mia coscia con noncuranza, come se non si accorgesse del bozzo causato dalla mia erezione a pochi centimetri dalle sue dita.

Esito brevemente, mille pensieri per la testa, il sangue mi sta andando in ebollizione,e poi mi decido.  Le metto una mano all’interno della coscia e guardandola fisso negli occhi le dico “Sai, io la segretaria prima o poi devo comunque assumerla, magari non domani, ma se la prendo deve sicuramente essere una persona di fiducia ed inoltre deve garantirmi piena disponibilità, io non so quanto potrei aspettarmi da te, non hai mai lavorato ed io ho bisogno di una professionista” – lei non fa cenno di spostarsi davanti alla mia mano che risale lungo la coscia fino ad accarezzarla oltre la linea della calza e risponde – “Dipende dal tipo di disponibilità e di professionalità che cerchi, io sono piena di risorse più di quanto tu creda, e sono certa di riuscire a soddisfare tutte le tue aspettative; per di più sono la sorella di tua moglie e non potresti riporre la tua fiducia in qualcuno che più di me ci terrebbe alla riservatezza, non trovi?” – la sua mano ha iniziato una leggera carezza sulle palle e lei è ormai quasi sdraiata sul fianco, con i seni ad un soffio dal mio viso. Sento schiudersi le cosce e le infilo deciso la mano fino alle mutandine, la trovo calda ed umida e Antonella socchiude gli occhi con un gemito. L’abbraccio e tirandola verso di me le affondo il viso tra i seni e le dico con aria di sfida: “Facciamo un precolloquio e vediamo se sei disponibile e professionale come sostieni” -. Si mette seduta sul piano della scrivania appoggiando i piedi sui braccioli della poltrona e piegandosi in avanti, con un movimento incredibilmente fluido, mi libera l’uccello da pantaloni e boxer. “Se questo deve essere il mio attrezzo da lavoro, occorre che ci familiarizzi e vediamo se ti convinco” - con un piegamento da contorsionista si avvicina e lo prende in bocca, inizia a giocarci con la lingua impugnandolo con una mano ed accarezzandomi le palle con l’altra, s’impegna e le piace, dimostrandosi davvero brava – “Brava la mia cognatina” le dico appoggiandole la mano sui capelli e spingendole il cazzo fino in fondo alla gola “vediamo se riesci a prenderlo tutto in gola” Dopo la prima sorpresa per l’inaspettata ed improvvisa intrusione a forzarle la gola, la sento ansimare e spingere fino a farsi davvero riempire con il naso attaccato ai peli, non ha nessuna intenzione di sfigurare e tiratolo fuori inizia a incitarmi. “Adesso vediamo chi è meglio tra me e mia sorella, forza sborrami in gola, lo so che ti sono sempre piaciuta, allora adesso che aspetti, te ne faccio spruzzare così tanta che ti faranno male le palle dopo” – lo riimbocca veloce, poi prende in bocca solo la cappella ed inizia a segarlo velocissima con la mano facendo dentro e fuori con la lingua a frizionare il frenulo, quindi se lo ingoia di nuovo fino alle palle e la sento massaggiarmi il cazzo con la gola in piena apnea, insomma un vero pompino da professionista.

Non voglio venire subito in bocca, la faccio alzare ed inizio a masturbarla con le dita, ha la figa completamente depilata ed è un lago. Spingo prima uno poi due dita infine tre in fondo e lei, ancora seduta sulla scrivania con i piedi sui braccioli della poltrona, si lascia andare all’indietro mugolando – “Si, dai scopami la fica – le mie dita non le danno tregua e con il pollice stuzzico la clitoride che si erge. E’ in completo delirio, ha dimenticato perché è venuta qua decisa a darmela ed io decido di scoparmela come una troia – “Allora lo sapevi che mi facevi tirare il cazzo” – fermo la mano dentro ed inizio a leccarle il clitoride, poi riprendo a masturbarla ruotando le dita al suo interno, leccando clitoride e labbra, finché la sento tremare ed infine esplodere un orgasmo liberatorio – “Dai continua, ohhh non sapevo di poter venire così forte, continua, non smettere” – le sfilo piano la mano lasciandole chiudere le gambe e la giro a pancia sotto, a novanta gradi sul piano della scrivania. E’ completamente andata ed il buchetto posteriore che continua a contrarsi sotto l’effetto dell’orgasmo appena avuto mi attrae irresistibilmente. Le appoggio la cappella sull’ano e lei alza la testa, si gira e con uno sguardo innocente negli occhi – “Questo vale il posto?” – “Intanto me lo prendo,  del posto ne riparliamo dopo” – e le forzo il culo strappandole un grido di dolore. Il leggero dolore che anche io provo per la penetrazione senza alcuna preparazione e l’assenza di lubrificazione non mi dà alcuna voglia di venire subito e continuo a penetrarla con un ritmo lento e profondo, la sentivo gemere e non capivo se era per il dolore o per il piacere, ma in fondo non me ne importava nulla. Prendermi  il suo culo era una soddisfazione troppo grande, anni di atteggiamenti altezzosi, di figa fatta annusare per il piacere di eccitarmi e di sapermi frustrato, ed ora l’avevo sotto, che m’implorava ora di smettere ed ora di spaccarla in due.

Il mio orgasmo si è allontanato, dissolto in un piacere più grande, voglio farla diventare la mia puttana ed umiliarla profondamente. Mentre penso a come umiliarla mi rendo conto che Antonella sta continuando a godere ed a venire in continuazione – “Sono la tua puttana, la tua troia, oddio come sto godendo, mi stai spaccando il culo ma mi piace, mi piace troppo” – “Ma tu non vieni mai, come è  duro, ancora, ancora” . Altro che umiliarla, sta prendendo ancora una volta il sopravvento, più glielo sbatto forte e più lei gode, ormai nella testa ho solo la voglia di vederla piangere, lo tiro fuori e “Adesso me lo succhi per bene” – le dico facendola inginocchiare per terra – “ed attenta a non sporcarmi il parquet nuovo”. Accenna ad un moto di disgusto poi, con la mia mano che le stringe la nuca, inizia a succhiarmi. Sono seduto sulla mia poltrona e la visione di Antonella in ginocchio, con la gonna alzata sulle natiche, e la bocca piena del mio cazzo mi sta facendo andare in orbita. Continuo a provocarla, le sposto i capelli di lato per vederla bene in faccia e lei mi guarda e mi sorride a bocca piena “Vuoi vedermi mentre ti succhio eh, allora guardami, guarda tua cognata com’è brava” – mi parla continuando a mungermi il cazzo, leccandomi le palle e l’asta, strusciando la cappella sulla lingua – “Ti piace così?, fammi vedere quanto, forza sborrami in bocca” - mi alzo in piedi e la spingo, sempre in ginocchio, contro la parete. Inizio a scoparle la bocca, infilandoglielo a forza in fondo e tenendole la testa tra le mani. Ha dei conati di vomito, riesce a divincolarsi e mi guarda impaurita, con gli occhi di fuori – “Così no, mi soffochi, fai più piano che non riesco a respirare” Glielo ficco di nuovo in bocca e continuo a scoparla più forte ed ancora più in fondo, le vedo gonfiarsi la gola ad ogni affondo, e grosse lacrime iniziano a scenderle lungo il viso “Forza, fammi vedere se sei davvero la professionista che dici, non me ne fotte niente se non respiri, voglio goderti in fondo alla gola” Sento le sue mani accarezzarmi le palle, la vedo inumidirsi un dito nella figa e poi ne sento la punta affacciarsi al mio ano. Le affondo le dita tra i capelli, il suo dito entra in me, sento l’orgasmo salire imponente  ed inizio finalmente a venire. Riverso una quantità di sborra che mi sembra non finire mai nella sua gola, tenendole ferma la testa con il suo naso tra i miei peli. Quando le scariche elettriche che mi attraversano iniziano a fermarsi la lascio andare, ha la sborra che le cola dal naso e la faccia stravolta. Mi accascio sulla poltrona e la lascio per terra a riprendere fiato.

Si alza in ginocchio e mi viene vicino, inaspettatamente mi riprende il cazzo in bocca e me lo lecca pulendo anche le più piccole tracce di sperma, mi appoggia la testa sulle cosce e si lascia accarezzare i capelli.

“Adesso devo andare, non vorrei che Giovanni avesse finito e mi stia aspettando. Ci vediamo domani all’inaugurazione, e per il posto lascia stare, magari vengo la sera ogni tanto a darti una mano...”

continua...

Per commenti, suggerimenti e/o scambi di idee identitadigitale2020@gmail.com

Ti è piaciuto questo racconto?
Punti: 5,0

1 commenti

Xerenella
Xerenella
Mar 14, 2024 at 9:50 am

Il tuo bel racconto ha rispolverato in me tante cose belle. Scrivi bene.

ID
identitadigitale2020
Mar 18, 2024 at 5:12 pm

grazie mille. ora però sarei curioso di conoscere qualcuna delle cose belle

ID
Ciao, io sono

identitadigitale2020

Autore su Erotika

None

Vedi Mio Profilo