Confessioni

IL TUBO ROTTO

Domenica mattina di fine marzo, caldo anomalo, sono a casa che cazzeggio tanto i figli dormono. Suona il campanello, vado ad aprire, mi trovo davanti la mia vicina di casa, tutta bagnata che mi dice "puoi venire il lavandino nel bagno perde acqua" io prendo le chiavi e vado a vedere. Le mie vicine sono due sorelle sulla trentina, una più in carne e l'altra magrolina, insomma due ragazze normali. Entro in casa e dico "vai a chiudere il rubinetto centrale" lei mi risponde "non so dov'è" le rispondo "sotto il lavandino in cucina" intanto entro in bagno e vedo un bella fontanina dal flessibile sotto il lavandino, provo a chiuderlo con le mani, ma ottengo solo il risultato di bagnarmi, finalmente la ragazza è riuscita a chiudere l'acqua, il flessibile è rotto, arriva lei e mi chiede "è qualcosa di grave?" io rispondo "no dovrei averne a casa adesso vedo di cambiarlo" vado a casa e trovo il tubo e prendo il necessario per la riparazione. Torno e la trovo che sta asciugando l'acqua, al mio arrivo si sposta e noto che ha la maglietta bagnata e si vedono le aureole e i capezzoli diritti, mi sdraio sotto il lavandino ed inizio il lavoro, lei si inginocchia ed osserva cosa faccio, solo allora mi accorgo che essendo senza niente sotto la tuta bagnata mette in evidenza il mio cazzo, lei mi dice "vado a cambiarmi la maglietta che è bagnata" io le rispondo "va bene ma io non mi scandalizzo di sicuro". Quando torna ho finito, noto che anche con la maglietta asciutta i capezzoli sono diritti le dico "riapri l'acqua ma aspetta un attimo perchè se perde ti dico di richiudere" lei esegue ma non ci sono perdite, quindi tutto a posto, torna e le dico "apposto" lei è felicissima e mi chiede "cosa ti devo?" io "niente una stupidata" lei insiste ma io continuo a rifiutare quindi lei dice "ti offro almeno un caffè" io "non bevo caffè ma un bicchiere d'acqua si" e mi metto a ridere. Ci spostiamo in cucina e mi fa accomodare su un divano, mentre mi chiede "coca o birra" io "se proprio ti vuoi scomodare birra" lei si gira ed io mi accorgo che da seduto per effetto della tuta bagnata il mio cazzo si vede ancora di più, mi passa la birra e si siede vicino a me, il mio imbarazzo è totale a 60 anni sono seduto vicino ad una trentenne con il cazzo barzotto, parliamo di cosa è successo poi lei mi dice "ti posso fare una domanda?" io "certo" lei "è una cosa intima" io la guardo e le dico "spara" lei prende coraggio e mi dice "ma tu sotto la tuta non indossi niente?" io non so se mentire o dire la verità ma poi lei dice "non rispondere voglio scoprirlo da sola" io allora dico "no dai non scoprire niente" ma la sua mano ha già tirato giù la zip della giacca e mi accarezza il petto dicendo "qui non c'è niente, il suo massaggio mi sta mettendo a mio agio ma anche eccitandomi, il cazzo punta contro i pantaloni, lei inizia a baciarmi un capezzolo, poi con la mano scende giù e si infila sotto l'elastico della tuta e tocca il mio cazzo duro allora mi guarda e dice "ti voglio ringraziare molto meglio" io con la voce rotta dall'eccitazione rispondo "non è il caso" lei si alza e mettendosi inginocchiata davanti a me dice "voglio proprio vedere com'è quello di uno della tua età" io dico solo "potrei essere tuo padre" mentre tira giù i pantaloni dice "ma non lo sei" il mio cazzo bello duro è libero, lei lo prende con la mano, mentre con la lingua mi lecca le palle, poi con la punta della lingua risale e lecca la cappella prima di infilarlo tutto in bocca, con una mano mi massaggia le palle e con l'altra, mentre succhia, mi massaggia il petto. Mi sta facendo un grande pompino, poi le dico "perchè non ti togli la maglietta" lei mentre se la sfila mi dice "si così te lo coccolo un po' con il mio seno" infatti lo infila in mezzo ed inizia una spagnola, io non ho parole chiudo solo gli occhi per la goduria che sto provando, lo toglie da in mezzo ai seni e ricomincia la pompa, io sono quasi arrivato, non dico niente e incomincio a godere, lei con una mano mi massaggia le palle e con l'altra lo tiene bene mentre ingoia tutto. Finito le dico "siediti qui vicino a me in ginocchio" lei "bene così finisco il lavoro" si mette in posizione ed inizia a pulirlo, mentre io con la mano vado a toccarle la figa e le faccio un ditalino, è bagnata fradicia e in poco tempo gode, me ne accorgo da come mi stringe il cazzo in bocca. Lei si siede, io resto con la tuta aperta e i pantaloni giù le chiedo "sicuramente non sarà stato come quello dei tuoi amici" lei "non è molto lungo ma è bello grosso e poi hai una cappella fantastica" io mi tiro su i pantaloni e lei continua "la prossima volta voglio andare a letto perchè secondo me sei un bel maialino" io "sai dove abito e magari quando sai che non c'è tua sorella" lei "tanto non ci crederà quando le dirò di stamattina" io stupito le dico "perchè la informi di quello che è successo" lei "certo dall'inizio alla goduta" io mi alzo e dico "bene ora vado" lei "ok a presto" e faccio rientro a casa.

Ti è piaciuto questo racconto?
Punti: 0

0 commenti

Nessun commento
PE
Ciao, io sono

peppone56

Autore su Erotika

None

Vedi Mio Profilo

Racconti Simili

IN CANTINA
IN CANTINA
Mag 17, 2024