Zoofilia

Il rosso glande di Ben

Per i #selezionati di erotika una storia coinvolgente ed estrema di sverginamento canino. Titolo originale: Nel mio culo è entrato di tutto...


===============================


Mi chiamo XXX e sono un tipo piuttosto normale, nel senso che non presento grosse attrattive fisiche. I miei capelli sono castani come i miei occhi, non sono molto alto né, tantomeno, muscoloso; forse perché non ho mai praticato seriamente uno sport.

Ho capito piuttosto presto di essere gay perché mi piaceva guardare i ragazzi, specialmente al mare o nello spogliatoio della scuola all'ora di ginnastica, mentre le ragazze non mi hanno mai procurato alcuna emozione particolare.

Abito in periferia e non è facile trovare qualcuno che soddisfi i desideri di un giovane gay senza sputtanarlo a vita con tutto il paese. Purtroppo, la provincia è così, le voci ci mettono poco ad arrivare a chi non dovrebbero mai pervenire, tipo genitori, professori o amici.

Così, divenni un assiduo computer operator. I miei genitori erano convinti studiassi fino a notte fonda, convincendosi che sarei diventato un ingegnere o un programmatore, visto che amavo così tanto l'informatica. Invece, non facevo altro che cercare foto e video hard con bei maschioni con le mazze in bella mostra e inculate a go go, fantasticando un casino su quanto avrei voluto trovarmi al posto di chi stava davanti.

Ero un eterno verginello, anche se nel mio culo era entrato di tutto, pur stando attento a non forzare troppo: volevo fosse un cazzo di carne pulsante ad aprirmi la prima volta.

Iniziai con il classico dito. Lo inumidii per bene e iniziai a disegnare la circonferenza di quel buchino dalla pelle tanto sensibile. Avevo brividi che mi scuotevano tutto e il mio pene diventava un palo di granito, tanto mi piaceva venir stimolato da dietro, continuando a guardare foto di uomini nudi.

Pian pianino, il dito si fece strada nell'ano e mi penetrai delicatamente, iniziando a fare dentro e fuori.

Il primo ditaculo non si scorda mai!

Preferii non menarmi il cazzo, ma mi sborrai comunque addosso: l'emozione di sentire qualcosa dentro che mi stuzzicava le pareti prostatiche era sublime. Credo di aver raggiunto così il mio primo orgasmo, un orgasmo interno.

“Sono femmina!” Mi dissi.

Ero emozionatissimo e morivo dalla voglia di provare ancora. Naturalmente, dovevo essere cauto, non potevo fare rumore, né abbandonarmi a espressioni di piacere, i miei avrebbero potuto sentirmi.

La volta dopo, provai con una penna grossa, di quelle classiche quattro colori. Ma non produsse l'effetto desiderato. Quando la punta iniziò a premere per entrare, mi eccitai un casino.

“Che fico, mi penetro per bene, come con un sex toy!” Pensai elettrizzato solo all'idea di quella innocente perversione.

Ma la penna era rigida e la punta non era arrotondata, mi graffiava facendo dentro e fuori e rischiava di ferirmi. Così, la tolsi, sostituendola con il solito dito per finire il lavoro. Ci misi parecchio a venire perché ero infastidito dal fatto che il mio piano non avesse funzionato e dovetti menarmelo per poter sborrare.

Quella notte, sotto le coperte, dovetti sditalinarmi ancora perché mi era rimasta la voglia e provai a inserire un secondo dito.

“Oh, siii, che bello, entrano tutti e due. Il mio culetto è sempre più elastico e accogliente, vuole di più, di piuuuu.” I miei pensieri erano più o meno questi e già iniziavo a fantasticare su con che cosa provare la volta successiva.

Avevo letto di chi usa gli ortaggi in mancanza di un vibratore e, il pomeriggio a seguire, già infoiato per l'aspettativa di quella nuova penetrazione, approfittai di essere solo a casa per andare a curiosare in frigo. La scelta cadde su una carota non troppo grossa, non volevo rischiare.

Mi chiusi comunque in camera e mi spogliai in fretta mettendomi inginocchiato per terra, posando busto e ventre sul letto. Ero una bella pecorina vogliosa di cazzo.

Succhiai la carota, facendola scorrere velocemente dentro e fuori dalla mia bocca mimando un pompino, altra esperienza per cui avrei pagato oro. Un bel cazzo succoso da slappare tutto.

“Uhm, sì, sono qui a gambe aperte che aspetto, sono la tua troia. Inforcami!” Essendo solo a casa, potevo esternare le mie fantasie, pur mantenendo la voce bassa per prudenza. Immaginavo un bel maschio grosso e peloso, come quelli che cercavo sul computer, che fosse pronto a soddisfare ogni mia voglia. “Daaaiii, che aspetti, il mio buchetto freme, vuole essere spaccato da te. Chiavami selvaggiamente!”

Era esattamente questo che avrei voluto dire a un uomo vero con la mazza dura di fuori.

Iniziai a stuzzicarmi con la punta della carota e, complici le fantasie erotiche, la stantuffatina fu soddisfacente.

Mi piaceva un casino sentire qualcosa nel culo, tanto che iniziai a farlo anche quando non mi masturbavo. Mi infilavo qualcosa dentro, come una piccola carota o un qualcos'altro dalla forma adatta e andavo ai miei consueti impegni, scuola o in giro, sentendomi costantemente stimolato. A volte in classe, vibravo leggermente sulla sedia per solleticarmi. Anche se avevo un po' di paura che quella cosa scappasse dentro e non riuscissi più a recuperarla. Come avrei spiegato l'incidente al pronto soccorso?

Così, scoprii i tampax di mia madre. Sembravano fatti per me: erano forse un po' troppo morbidi, ma quelli per il flusso abbondante erano piuttosto grandi e poi avevano la cordicella per estrarli. Gran bella invenzione, li consiglio a chi non ce l'ha ancora largo e vuole provare la sensazione di essere sempre pieno.

Quanto avrei pagato per uno di quegli aggeggi di gomma, i tappi per culo con un cazzetto all'interno. Ma di sexy shop neanche l'ombra dalle mie parti e gli ordino online erano troppo rischiosi, visto che la mattina ero a scuola e la posta la ritirava mia madre.

Avevo persino pensato di farmi una gita a Milano, solo per fare dello shopping in uno di quei negozi. Ma ero perennemente in bolletta.

Intanto, non c'era verso di trovare un uomo vero. Nessuna delle mie conoscenze sembrava avere certe tendenze e restava troppo rischioso osare. Così, dovevo accontentarmi di ditaculi fino a stordirmi.

Una sera, i miei uscirono a cena con dei vecchi amici e io rimasi solo in casa. Essendo sicuro di non vederli tornare per qualche ora, non mi presi la briga di chiudere la porta della camera e iniziai a giocare come di consueto. Mi sistemai nudo sulla sedia da computer, con il coccige posato sul bordo e il culo completamente per aria. Appoggiai i piedi sulla scrivania e, mentre con una mano facevo scorrere immagini di camionisti e motociclisti nudi o che si inchiappettavano a vicenda, con l'altra avevo preso a stimolarmi.

“Che bello, sì, uhuuu, lo voglio tutto dentro. Mhmmm...” Come sempre, cercavo di non urlare, ma ero un po' più stridulo del solito.

Improvvisamente, forse attirato da quegli uggiolii, fece capolino dalla porta Ben, il mio cagnolone.

Pur avendo sobbalzato per aver visto il movimento di qualcuno, non avevo cambiato posizione e, vedendo di chi si trattava, cercai di scacciarlo.

“Vattene, Ben. Mi disturbi!”

Lui entrò lo stesso in camera, ma lo ignorai. Sicuramente non avrebbe potuto raccontare nulla in giro e poi i cani non giudicano, lo so, l'ho letto in un libro.

Ripresi a fare fuori e dentro con le due dita tese, cercando di affondarle sempre più, mentre producevo versi acuti di piacere, quando la testa di Ben spuntò tra me e la scrivania, proprio in mezzo alle mie gambe.

Mi ero nuovamente spaventato, fermandomi. Allora, Ben diede una bella lappata al mio culo aperto.

Che brivido. Non riuscii a trattenere un uggiolato più forte degli altri e mi abbandonai a quel trattamento.

Bello, il linguone di Ben, che è un meticcio di taglia medio grande con una testa grande quanto quella di un pony, mi copriva e insalivava tutte le parti intime. I coglioni, il cazzo talmente duro da dolermi, la parte fra lo scroto e l'ano e poi lì, ahhh, siii, la sua lingua accarezzava il mio buco del culo, facendomi desiderare sempre più di infilarci dentro qualcosa di adatto.

Ben era sempre più frenetico. Non era come quando mi faceva le feste, credo avesse capito che ci stavamo addentrando in un territorio nuovo, una situazione sessuale. Infatti, il suo tartufo prese a spingere contro il mio ano, mentre lui cercava di arrampicarsi sulla sedia, rischiando di farmi cadere.

Però, che bello!

Certo, era impossibile farsi inculare dal naso di un cane, però mi venne un'idea. Mi scostai dal tavolo, seguito da un Ben sempre più vivace e gli guardai in mezzo alle gambe.

“Oh Ben, tu avevi un tale tesoro qui e non me lo hai mai offerto prima!” Esclamai buttandomi a terra per afferrargli la minchia. Era eretta e una punta rossa spuntava dall'involucro peloso.

“Chissà quanto può diventare grande, mhmmm. Lo voglio!”

Ben mi leccava la faccia, cercando di girarmi attorno. Anche lui mi voleva e la cosa si faceva sempre più eccitante. Certo, mi avrebbe sverginato con quel glande così grosso, ma non volevo diventare vecchio ad aspettare di incontrare un uomo che mi sodomizzasse.

Mi alzai, ma solo per buttarmi sul letto, come avevo fatto quando mi ero penetrato con la carota. A pecora, o a cagna, se Ben preferiva.

“Ben, eccomi, sono la tua cagnetta in calore. Montami, non ce la faccio più!”

Neppure lui ce la faceva più e con un balzo, mi fu sopra, iniziando a spingere quella punta calda che incarnava tutti i miei desideri. Non era semplice: il cane andava a casaccio, un po' perché era infoiato come un toro e anche forse perché la mia posizione non era del tutto agevole. Ma lo lasciai fare per un po', anche se le zampe anteriori mi graffiavano la schiena. Ero in estasi a sentire un cazzo di carne che tamburellava sulle mie natiche e contro le mie gambe, lordandomi con goccioline calde che colavano.

“Va bene, va bene, ho capito, vuoi fottere. Anch'io lo voglio, Ben. Sbattimi tutto, sverginami e aprimi il culo. Sono tuo!”

Presi in mano il suo cazzo, ormai fuoriuscito del tutto dal pelo, apprezzando la misura e lo indirizzai verso il buco, mentre, con l'altra mano, scostavo una chiappa per facilitargli il passaggio.

Fu in quel momento che mi colpì il pensiero: non ero per niente lubrificato. Il cazzo di Ben era umido, ma io no.

Troppo tardi, la nerchia mi impalò di brutto, lasciandomi senza fiato e, senza darmi il tempo per riprendermi, prese a fottermi selvaggiamente. Ero sovrastato, dolorante, il culo mi bruciava come non mai e sentivo dentro quella mazza grossa e calda che mi arrivava fino all'ombelico; mentre lui non smetteva di stantuffarmi, come una troia sfondata.

Lo ero!

Dopo il dolore, il piacere immenso subentrò sopra ogni altra sensazione. Con il primo orgasmo capii che la cosa mi piaceva parecchio e risi sommessamente per poi prendere a incitare Ben che si stava ampiamente soddisfacendo con il mio culo.

“Sì, Ben, sì, bravo stallone, riempimi tutto. Sono la tua femmina da sottomettere, dacci dentro!”

Ero senza fiato, ma continuavo a emettere versi di piacere. Non volevo finisse, anche se sentivo che mi stavo già avvicinando al secondo orgasmo, senza neanche toccarmi.

“Che bello, quanto tempo ho perso con oggetti inanimati, quando avevo a disposizione questo torello da monta.” Pensavo con la bava che mi scendeva dalla bocca, mentre quella di Ben mi ricadeva sulla schiena.

Poi, successe una cosa strana. Ben diede un colpo secco, più forte degli altri che mi provocò un gridolino di giubilo, nonostante mi avesse fatto male, e mi sentii gonfiare. Ben stava sborrando dentro di me e ce n'era tanta, non finiva più, mi riempiva la pancia.

La cosa mi spaventò, ma fu anche perversamente piacevole.

“Mi stai ingravidando, bravo cagnolone, riempimi tutto!”

Quando sentii il flusso fermarsi, Ben rimase lì, attaccato a me e mi sentii dilatare dall'interno. Era il nodo che i cani usano per restare attaccati alla femmina e non permettere allo sperma di uscire, per avere la sicurezza di una gravidanza.

Lì provai vero terrore che lottava contro il piacere di sentirmi pieno. Restare attaccato al cane per chissà quanto tempo era una cosa spaventosa. E se non fossimo riusciti a staccarci e i miei, al rientro, mi avessero trovato sodomizzato dal cane, ancora ancorato al suo cazzo?

Cercai di tranquillizzarmi e rilassarmi per godere di quei momenti. Ben continuava a schizzare dentro di me e io, esausto, restavo abbandonato contro il letto.

Finalmente riuscì a staccarsi e riprese a leccarmi. Non voleva che la sborra uscisse. Ma era impossibile, ce n'era talmente tanta che iniziò a colarmi fra le cosce, mentre cominciai a segarmi, raccogliendo quel nettare per leccarlo, impiastricciandomi lascivamente la faccia. Mentre Ben si era acquietato, dopo essersi pulito velocemente con la lingua.

“Ben, mi hai fatto un servizietto fantastico, cercheremo di restare più spesso da soli in casa” dissi, alzandomi per andare a fare una doccia. “La prossima volta, ti faccio un bel bocchino!”

Fu l'esperienza più eccitante della mia giovane vita. Era la mia prima volta ed era stata con un essere animalesco che mi aveva quasi violentato per quanto erano stati rudi i suoi affondi. Era proprio come mi ero immaginato un rapporto con gli omoni che piacciono a me.

Lavandomi, mi toccai l'ano pulsante e dolorante e, con mia sorpresa, lo trovai ancora aperto.

“Mhmmm, com'è largo. Sono un rotto in culo!” Mormorai, riprendendo a segarmi e intanto, introdussi tre dita in quel buco.

Benedetto sia il sesso con il cane!

Ti è piaciuto questo racconto?
Punti: 0

1 commenti

LEO
LEO
Feb 14, 2024 at 5:07 pm

Tutto sta ad iniziare , hai un bel futuro da troia davanti a te

avatar
Ciao, io sono

italsex

Autore su Erotika

Racconti erotici dal mondo estremo delle perversioni.

Vedi Mio Profilo