Zoofilia

Il mio Son mi porta all'orgasmo

Per i #selezionati di erotika riceviamo e pubblichiamo alcune brevi ma intense segnalazioni di confessioni di erotismo estremo. Tocca ora a Coretta, quando per la prima volta ha conosciuto carnalmente il loro cane, Son.


==================================



Quella mattina l'estate era più calda e torrida del solito, ero sola in casa come ormai mi capitava da troppo tempo, i figli erano al mare con amiche e amici, mio marito lontano chissà dove e con quale "donna della sua vita" a fargli compagnia come ormai accadeva da 9-10 anni tanto che avevo perso anche il conto. Non che me ne importasse, anzi finchè l'assegno mi arriva preciso a fine mese meno lo sento e lo vedo e meglio sto!

Mi ero svegliata da poco, calda e appiccicosa per quella nottata passata a sudare tra mille zanzare, quando decisi che era ora della doccia, accesi la luce in bagno e mi spogliai, feci uscire un pò di acqua fresca ma ebbi il tempo di rimirarmi per qualche secondo nello specchio: il mio corpo mi piaceva, ero una delle poche donne cinquantenni ancora entusiaste del loro corpo, ok che il chirurgo un piccolo aiuto lo aveva dato ma parliamoci chiaro, senza un pò di materia prima sotto cè poco da lavorare. Ci vuole comunque una buona base sotto e io l'avevo sempre avuta. Ginnasta e corridrice della campestre da ragazzina avevo smesso di pratica l'attività agonistica intorno ai 20 anni pur mantenendomi sempre in allenamento anche nel periodo più buio del mio matrimonio, correvo 3 volte a settimana e 2 volte andavo anche in palestra, ora che ero tornata single da qualche anno avevo iniziato a frequentare anche corsi di aerobica e ginnastica a ritmo di musica. fisicamente per l'età che avevo ero quasi perfetta, 1.70 di altezza per 55 kg di peso, gambe lisce senza imperfezioni, un pancia piatta come non avevo mai avuto e pochissimi segni delle 3 gravidanze avute. il seno era grande e sodo, una quarta misura fin da ragazzina che ora grazie ad un aiutino chirurgico stava ancora "parecchio alta" oltre che ben gonfia. i capelli avevano più colori durante l'anno, da biondi a neri come la pece. Solo gli occhi rimanevano sempre e solo castani.

Feci una doccia per rinfrescarmi e prepararmi ad uscire, mi sdraiai 2 minuti sul letto ancora umida per rilassarmi ancora un secondo prima di uscire nel caldo della città. non potei fare a meno di massaggiarmi un pò le gambe affaticate dalla lezione di step della sera prima e un pò per errore, un pò per piacevole perversione non potei disdegnare un massagino alla mia patata. Evidentemente indugiai qualche secondo più del normale perchè quello che doveva essere una semplice carezze presto si trasformò in un vero e proprio rapporto tra lei e il mio dito medio. iniziai a sospirare forte a mugolare, talmente tanto che evidentemente svegliai il mio bel cagnolone Son che lesto si tirò su dal tappeto della sala e fece capolino in camera mia. Non gli diedi udienza, la sua presenza non mi disturbava e non mi ponevo problemi nel farmi vedere nuda da lui, in fondo di "bestie" nella mia vita ne avevo conosciute altre e di ben peggiori. L'intensità del mio masturbarmi evidentemente lo incuriosì al punto che arrivò ai piedi del letto e inizio a leccarmi i piedi, sul primo momento sussultai ma poi lo lascia fare, mi piace essere leccata alle estremità e in fondo stavo condividendo con lui un momento piacevole e interessante. Ad un tratto la sua lingua risalì veloce le mie gambe, soffermandosi sulle coscie per poi raggiungere i miei umori che sgorgavano come una fontana, mi fermai, avevo il cuore a mille. cosa stavo facendo, cosa mi stava facendo Son. mi leccava? non capivo se il calore che sentivo dal viso era dovuto all'orgasmo che mi aveva appena preso di colpo o se era l'eccitazione per quello che avevo pensato, forse erano entrambe, cercai un attimo di raffreddarmi e capire cosa stesse succedendo. Ero forse impazzita?

lo sguardo mi cadde su Son che mi guardava di rimando con un occhioni eccitati rassicurante, non potevo certo aver paura che potesse spifferare qualcosa in giro, eppure qualcosa mi fece capire in un istante che forse non ero l'unica che si era eccitata per quanto appena accaduto. guardando Son tra le gambe non potevo non notare quello che c'era, il suo cazzo era uscito fuori, era enorme e pulsante, rosso lungo e duro, ebbi un nuovo orgasmo, questa volta senza nemmeno toccarmi.

cosa stavo facendo? potevo essere cosi fuori di testa?

gli ormoni presero il sopravvento su di me, sulla mia levatura morale, sulla mia sessualità. non feci troppe domande al mio istinto, ma fu lui a portarmi a questo, mi inginocchia davanti a Son, offrii alla sua vista la mia patatina grondante di umori, lui mi capi al volo e sali sopra di me. L'affondo del suo cazzo dentro di me fu come perdere di nuovo la verginità, iniziai a tremare e non capire più niente, un orgasmo, poi un'altro ancora, vedo le stelle e non capivo piu nulla di quello che avevo attorno, i secondi sembravano ore, ogni colpo sembrava un fulmine che mi faceva torcere dal dolore di un amante troppo animalesco e dal piacere di provare qualcosa di estremo. Mi sentivo sporca e usata da una bestia che esaudiva i desideri del suo istinto animale, mi sentivo tremendamente perversa e troia, ancora un'altro orgasmo, i colpi erano forti, profondi e con un ritmo esasperante. mi stava scopando con una potenza fuori dal normale, sicuramente piu animale che umana. passava il tempo e io ero li con la figa che colava come una cascata al punto da aver bagnato anche il pavimento, mi stringevo le tette forte e poi all'improvviso quello che non mi stavo ancora aspettando. 4 o forse 5 schizzi caldissimi e densissimi dentro la mia figa, Son era venuto e a differenza di quello che potevo aspettarmi ora, ancora in preda all'ennesimo orgasmo, mi accorsi che lui non si staccava, anzi al contrario spingeva piu a fondo il suo cazzo fino a sentirlo gonfiare alla base. Si stava formando il nodo, il suo cazzo creato per procreare era solito gonfiarsi e "incastrarsi" nella vagina della cagna di turno per assicurare l'ingravidamento della stessa. Quella cagna ora ero io, ero li con un cane che mi stava montando e il suo cazzo era diventato enorme dentro di me, delle dimensioni di un pallone da calcio mi stava ssquarciando la figa grondante di umori e sborra canina. Ma non sentivo un dolore esagerato, il fastidio era mitigato dal piacere, dalla perversione mentale e dagli ormoni che impazzisti tempestavano il mio cervello di informazioni. rimanemmo cosi per quasi 40 minuti. lui con il cazzo gonfio a slabbrarmi la figa, io a pensare a quello che era successo e mi stava ancora succendendo. Potei rendermi conto che il suo cazzo era anomalo per il mio corpo, troppo lungo al punto che dentro di me lo sentivo fin troppo in alto, se mi toccavo la pancia sentivo uno strano rigonfiamento che solo piu tardi capii essere la cappella del mio cane, ero impazzita ma ero felice, eccitata come non mai, in quella posa anomala godetti almeno altre 2 volte.<

Passò il tempo e il mio Son si stacco da me, caddi a terra, stravolta, grondante di qualsiasi cosa,

capii che quel giorno qualcosa era cambiato per me. mi toccai il seno, avevo i capezzoli duri come chiodi e grandi come una noce, scivolai fino alla figa, la sentii insolitamente aperto, con le grandi labbra rigettate in fuori come se avessi partorito, senti la sua sborra colarmi sulle dita, le portai alla bocca e l'assaggiai, il suo gusto mi fece impazzire.


Capii subito che quel giorno sarebbe stato il primo di una lunghissima serie. I miei figli sarebbero tornati non prima di 4 giorni. Avevo tanto tempo per godere.

Ti è piaciuto questo racconto?
Punti: 5,0

1 commenti

stregabsx
stregabsx
Gen 12, 2024 at 10:21 am

ciao,ankio come a te mi e' accaduto e devo dire ke oltre al piacere ke ho provato,mi sono sentita proprio una cagna in calore, nonostante la vergogna di farmici trovare attaccata da mio marito. e' accaduto lo stesso d'estate al mare , preciso ho un rott di 5 anni abbastanza taurino e non solo di corporatura anzi devo dire ke supera quello di mio marito, insomma tornando a quel giorno,ero in giardino a prendere il sole in topless normale direi ma sara' stato un caso, DEVIL, cosi' si kiama,mi viene vicino con un pallone in bocca x giocare,cosi' lancia e ripiglia mi sono alzata dalla sdraio,avevo solo il bikini mentre si giocava sono scivolata in terra sull'erba bagnata x avere refrigerio,lui mi ha portato la palla fra le mani lasciandomela,io stavo x lanciarla e lui invece mi e' saltato addosso,non mi mollava piu'io cercavo di scappare alzandomi e cosi', una volta in piedi con un balzo mi ha strappato il costume,ero praticamente nuda,cercavo di coprirmi con una mano e riprendere il costume ke aveva portato via ma era inutile anzi'mi saltava addosso da dietro x ributtarmi giu cosi' fece,mi giro' davanti e mi monto sulla faccia,mi trovai sotto di lui ke aveva gia tutto il cazzo fuori ke mi skizzava addosso,era sperma, incominciai a cercare di divincolarmi scappando in ginokkio a 4 zampe verso casa,quando me lo sento sisaltare addosso dal dietro era una furia,mi agguanta x i fianki e lo sento sbattere sul culo,cerc,faccio x spingerlo fuorio di divincolarmi quando sento un bruciore tremendo,cazzo!mi era entrato nel culo,riesco ad entrare in cucina con lui ke continuava a spingere,faccio x respingerlo,mi stringe x i fianki ancora piu' forte,lo sento ke mi apre tutto il buco,continuando a martellarmi,mi tocco era tutto dentro,lo sentivo in gola,poi l'ho sentito venirmi dietro dal calore dentro la pancia,pensavo avesse finito,era fermo sopra di me,mi ritocco sotto colavo,ero fradicia,mi sentivo la fica tutta gonfia con le sue palle ke ci strusciavano sopra,ho provato a tirare x uscire niente,sembrava incastrato dentro col cemento,sono rimasta mezzora in ginokkio ferma poi lui ha cominciato a volersi girare,mi graffiava tutta la skiena quando se girato del tutto,eravamo proprio come 2 cani attaccati,avevo il buco del culo ke mi prendeva fuoco,piano piano sono andata verso il bagno x cercare di infilarmi sotto la doccia,quando sento il cancello automatico del giardino aprirsi CAZZO! mio marito,cercavo di tirarlo dietro a me camminando sulle ginokkia,fra il dolore e la paura pisciavo x terra,ero imbarazzatissima,faccio x entrare in bagno,mi sento urlare dietro ke CAZZO FAIII,era mio marito,non ti dico come mi sentivo,mi nascondevo la faccia fra le mani,lui con le buste della spesa in mano,non avevo parole solo il desiderio di scomparire,arrivata sotto la doccia lui ha aperto l'acqua fredda x buttarmela addosso,mi guardava e diceva ora come lo togliamo?cazzo!ti sei fatta montare proprio a dovere aspettiamo.sono rimasta attaccata un'ora e mezza quando se staccato mi e' uscito di tutto,mio marito a guardarmi il buco ke era tutto aperto,sembrava mi ci fosse passato un treno anke se faccio sesso anale ma cosi'non me lo ero mai sentito,mi feci subito un clistere e una doccia,ero tutta un graffio addosso,andai da mio marito a spiegargli l'accaduto era stupito al massimo e non e' ke ci credesse tanto,poi la sera a letto mi kiese se mi fosse piaciuto,io negai,forse con un'po' di sorrisetto malizioso,lui mi giro' e mi prese anke lui,non mi sono seduta x 3 giorni,pensavo fosse finita makke' ha voluto ke riprovassimo anke col cane ed e' diventata una cosa fissa oramai sono proprio diventata una CAGNA.

avatar
Ciao, io sono

italsex

Autore su Erotika

Racconti erotici dal mondo estremo delle perversioni.

Vedi Mio Profilo

Racconti Simili

Il rosso glande di Ben
Il rosso glande di Ben
Gen 21, 2024
Dafne e Yuri
Dafne e Yuri
Nov 27, 2023