Zoofilia

Giubionda, scrittrice arrapata

Ci ha colpito per spontaneità e gradevolezza la lettura delle storie di @Giubionda che ha pubblicato su #amaporn alcuni cammei sulla perversione della sua mente (e anche del suo corpo). Sono convinta che i nostri appassionati lettori apprezzeranno queste favolose righe di estrema goduria.

#giovannaxvoi


===================================


Mi presento...

Felicemente sposata, ma ho tanta voglia di cazzo!!! e non solo di quello del marito!!!

Mi piace essere desiderata, farmi spogliare con gli occhi, eccitare i maschi e vedere che faccio ingrossare il pacco. Sentire apprezzamenti spinti, volgari anche davanti a mio marito.

La mia vagina è larga, ho il culo sfondato, la bocca da pompini e tette da spagnola. Sono bionda, longilinea e mi masturbo quattro volte al giorno. Le mutandine non le indosso praticamente mai... così sono sempre pronta: "carpe diem".

Amo i cazzi grossi e di colore, adoro essere sborrata dentro e rientrare a casa piena di sperma, "senza che mio marito se ne accorga"... Il pensiero di essere posseduta per essere messa incinta e sentire il calore della sborra che mi invade l'utero mi fa godere e squirtare come una troia. 

Mi piace fare esperienze strane, al limite della decenza morale. Sono stata montata da dei cani e la cosa mi ha eccitato tantissimo, mi piacerebbe provare il cazzo di un maiale per provare la sensazione di avvitamento in figa o quello di un cavallo che mi devasta la patata.

L'eccitamento massimo è essere legata e scopata a pecorina in figa e in culo da tanti uomini, in una cerimonia sessuale, costringendo mio marito cornuto a guardare come mi sfondano.... una ninfomane pronta da montare come una cagna che si rispetti!


Desiderio di cazzo...

Sono una donna sposata molto troia, una cagna da monta da legare e usare con la figa sempre in calore...violentatemi! ho voglia di cazzo! Voglio essere posseduta da tanti uomini, stuprata e riempita di sborra da un branco di maschi in un parcheggio, nel cesso dei camionisti, tra la puzza di piscio e sborra, legata e montata a turno per ore, spogliata e pisciata addosso, costretta a subire le violenze più perverse: essere penetrata con grossi falli, legata, umiliata anche in luoghi pubblici, affinché tutti mi vedano e si stupiscano per quanto sono una schiava del sesso, porca e disposta a tutto.

E poi, mi vergogno un po', ma lo dico eccitandomi: mi sono fatta montare anche da dei cani, è stato bellissimo... voglio vedere la sborra sulle mie foto... ma tanta!


Una vogliosa mogliettina

Una quindicina di giorni fa, io e mio marito veniamo invitati a fare un giro in barca da una coppia di amici. All'ultimo minuto si aggiunge un vecchio amico d'infanzia e si va in gita. Dopo aver ormeggiato, brindato e mangiato, il mio amico Miki dice di fronte a tutti se fossi stata disposta a fare uno scherzo ad un suo amico in spiaggia un po' più in là. Ho detto di si, in nome della vecchia amicizia.

Sotto il gazebo c'era anche mio marito, l'altra coppia era andata a trovare dei conoscenti in spiaggia e il mio amico dice:

"Andiamo a fare lo scherzo a Marino? gli diciamo che sei la mia amante." Annuisco sorridente, anche se mio marito non era molto convinto e ci avviamo.

A una decina di metri dal gazebo, con mio marito che ci guardava da dietro, il mio amico mi prende la mano, come due innamorati. Un centinaio di metri e siamo davanti a Marino che dice: "Che gnocca! E questa chi è?"

"E' la mia amante" dice Miki

"WOW... beviamo qualcosa sulla mia barca?" dice Marino

"Si dai... con piacere" dico io, e cosi siamo saliti in barca...

Bevi un prosecco, due prosecchi, tre prosecchi, i due hanno cominciato ad allungare le mani e a tirare fuori due bei cazzoni! Non ho saputo resistere, in men che non si dica mi sono ritrovata a spompinare due bei uccelloni. In mente avevo mio marito che, povero, sarebbe diventato cornuto da lì a poco.

Un cazzo in fica e uno in culo e tanta sborra davanti e dietro. Così è finita la domenica, con una scopata in doppia, tanta sborra che usciva dai miei buchi e mio marito che si è incazzato... ma ne è valsa proprio la pena... lo rifarei ancora... magari insieme a mio marito che si sega davanti a me mentre mi montano.

Che troia che sono! Ed è successo veramente. Non è una fantasia.


Esperienze bestiali in agriturismo

E ancora una volta da sola, mio marito in trasferta per lavoro ed io che mi annoio.

Mi chiamano degli amici e mi propongono una gita in campagna, visita ad una fattoria con agriturismo. Accetto e di buon ora partiamo alla volta della campagna. 

Il tempo è primaverile e la temperatura accettabile.

Arriviamo in loco e il giovane fattore ci accoglie nel casolare. Ci invita a prendere un drink di benvenuto e si comincia la visita della cantina. Vino buono e comincio ad essere un po' brilla.

Proseguiamo la visita della stalla e si avvicina un bel pastore tedesco che inizia a girarmi attorno. io in minigonna, senza mutandine come al solito, e il cane mi infila il muso proprio sulla patata e inizia ad annusare.

La mia amica dice: "Mi sa che vuole qualcosa da te!".

Io sorrido e, imbarazzata, comincio ad accarezzare la testa del cane che, nel mentre, ha iniziato a leccarmi la figa.

Comincio a bagnarmi! mi eccita! vedo che il pene del cane comincia ad allungarsi e la mia amica e il suo compagno, scherzosamente, mi invitano a mettrmi a pecorina.

Il giovane procura immediatamente una coperta e la stende per terra, dicendo "Se vuole può farlo!"

"...cosa?" dico io!

"Farsi montare dal cane, non è mica l'unica!"

"Andiamo bene, " dico.

Ma lui ci invita a spostarci in un box, per avere un po di privacy e non essere visti da tutti e io non ho la forza di oppormi.

Un po' brilla ma ancora con un minimo di pudore, dico "Ma come, davanti a tutti?"

I miei amici e il giovane annuiscono, e ancora una volta la mia perversione mi fa stare al gioco, che puttana sono!

Il giovane prende il cane, il compagno della mia amica mi stende a terra e la mia amica mi alza la gonna! Stesa sulla coperta con il culo in aria e a gambe aperte, il giovane lascia che il cane inizi ad annusarmi e in men che non si dica sento il cazzo del cane che mi devasta l'utero.

Stesa a terra e montata dal cane come una cagna!

Il padrone tira fuori l'uccello e me lo ficca in bocca. I miei amici iniziano a masturbarsi a vicenda eccitati dalla scena assurda. Il cane mi monta a più riprese lasciandomi la figa piena di sborra.

Il giovane era super eccitato e prende un po' di sperma che mi scende dalla vagina per lubrificarmi l'ano! prende il suo cazzo e me lo infila nel culo, mentre il cane lecca la sua stessa sborra dalla mia vagina.

Apoteosi orgasmica con schizzi di piscio e il cazzo del giovane sporco della mia cacca. Toglie il cazzo dal culo e me lo ficca in bocca, sborrandomi abbondantemente. I miei amici, super eccitati, hanno raggiunto l'orgasmo guardandomi a fare la troia con un cane e soddisfando il suo padrone.

Una bellissima giornata! assolutamente da rifare! e mio marito... al lavoro!

Ti è piaciuto questo racconto?
Punti: 5,0

0 commenti

Nessun commento
avatar
Ciao, io sono

Giovanna Esse

Autore su Erotika

Scrittrice e blogger di racconti e articoli, in prevalenza di genere erotico e per adulti. Benvenuti in erotika.app , il lato piu' elegante del piacere raccontato. Info, domande e confessioni anche scrivi a La Posta di Giovanna.

Vedi Mio Profilo