Trio

Con due maschi

Mi chiamo Carla ho quarant’anni e sono sposata con Paolo che di anni ne ha 45. Sono una donna abbastanza alta capelli scuri occhi scuri un viso con un ovale quasi perfetto, bocca di media grandezza, ho una quarta di seno leggermente cadente, appesantita dal fatto che ho avuto due gravidanze. Il ventre non è proprio piatto, ma in ogni caso non presenta segni di smagliature o difetti, fianchi il culo sono un po’ più allargati, dovuto alle gravidanze, mentre le cosce sono belle snelle e ben tornite. Paolo è un classico maschio, con un po’ di pancetta, un inizio di calvizie, che lui cura tenendo i capelli molto corti, anche perché si stanno gradualmente imbiancando, è una persona dolce molto comprensiva, e anche molto attenta nei miei confronti. Con lui mi sento bene, insieme abbiamo passato più di vent’anni della nostra vita. Abbiamo un bel rapporto, che ci tiene uniti, che ci soddisfa anche il piano sessuale. Non ha una dotazione eccessiva, anzi direi nella norma, anche se la usa abbastanza bene, cercando sempre di farmi provare il piacere, prima di raggiungere il suo. Spesso per lavoro deve assentarsi da casa. In occasione di sua assenza, un giorno mentre curiosavo fra i negozi, della città mercato, ho conosciuto una persona di cinque anni più giovane di me. Stavo guardando una vetrina, che esponeva abbigliamento intimo, quando lui che mi seguiva da un poco, si è avvicinato e guardando la vetrina, e gli indumenti esposti, ha fatto un simpatico commento.

«Quel meraviglioso tanga, sarebbe bellissimo vedertelo addosso.»

L’ho guardato e ho sorriso, poi ho visto, che lui continuava indugiare sul mio corpo, così abbiamo incominciato a parlare tra di noi, a ridere e scherzare, finendo per metterci seduti davanti ad un caffè, dove lui si è presentato, dicendo di chiamarsi Lorenzo. Ne è nata una bella amicizia. Era gentile, educato, molto simpatico, ed anche scapolo. Il suo aspetto fisico, i suoi occhi chiari, le sue mani ben curate, mi hanno spinto ad accettare la sua amicizia, e per oltre sei mesi, fra di noi non c’è stato altro, che qualche caffè, e qualche lunga chiacchierata. Una sera, ho accettato il suo invito di cenare a casa sua, con lui, e dopo aver consumato e gli ottimi piatti, abilmente cucinati da lui, ci siamo seduti insieme sul divano, lui mi ha messo il braccio intorno al collo per attirarmi a sé, le sue labbra hanno cominciato a baciarmi dietro l’orecchio, e con la punta della lingua, giocava con il lobo del mio orecchio. Mi sono girata, e lui prontamente mi ha baciato in bocca. Ho sentito la sua lingua entrare prepotentemente dentro la mia bocca, in cerca della mia, con la quale ha intrecciato un gioco erotico, che per un attimo mi ha coinvolto, ed eccitato. Dopo un momentaneo stato di abbandono, ho ripreso il controllo di me stessa, l’ho guardato, e l’ho pregato di non spingersi oltre, perché volevo restare una moglie fedele, e devota. Poi però, qualche giorno dopo, dentro di me, ho sentito forte il desiderio di averlo, di essere sua, anche se essendo sposata, non riuscivo a spiegarmi, questo mio forte desiderio. Quando si è presentata l’occasione di un ennesimo viaggio di mio marito, ho accettato nuovamente un invito a casa sua, e questa volta dopo aver cenato, lui mi ha baciato, mi sono stretta a lui, che si è reso conto che questa volta non mi sarei tirata indietro. Siamo finiti sdraiati nudi sul suo letto, le sue mani hanno incominciato ad accarezzare il mio corpo, procurandovi intensi brividi di piacere, ben presto cominciato a bagnarmi fra le gambe, mentre con le mani, ho iniziato ad accarezzare il suo sesso, molto più lungo di quello di mio marito, già bello duro, e teso. Lui mi ha rigirato infilando la testa fra le mie cosce, la sua lingua ha iniziato a scorrere lungo il taglio della mia figa, e ben presto l’ho sentito fugare fra le sue pieghe insinuandosi dentro di me, procurandomi molto piacere, mentre io, ho appoggiato le mie labbra sulla sua cappella, gli ha dato un tenero bacio, poi ho cominciato leccarlo, prima lungo la punta scendendo verso l’asta, fino ad arrivare alle palle, per poi risalire e infilarne più della metà in bocca, cercando di farlo scendere lungo la mia gola. Un lungo gemito è uscito dalle nostre bocche, perché entrambi provavamo il piacere. La sua lingua scatenata ben presto mi ha portato all’apice del piacere, è un intenso orgasmo è esploso dentro di me, facendomi vibrare tutta, come la corda di un violino, che lui abilmente stava suonando. Mi ha lasciato il tempo di assaporare il suo piacere, poi si è rigirato, e si è posizionato fra le mie gambe, sollevandole fino a portarle dietro di lui, appoggiato la punta fra le pieghe della mia lumachina già fradicia, dei miei umori, e lentamente è scivolato dentro di me. Lo sentivo entrare, scorrere lungo le pareti dilatando il mio sesso, fin quando con la punta è andata a sbattere fino in fondo, procurandomi una scarica elettrica che dalla testa, è scesa lungo la colonna per scaricarsi dentro il mio ventre, procurandomi un ennesimo orgasmo. È rimasto immobile, piantato dentro di me, per qualche secondo, poi, ha preso stantuffarmi, con un movimento lento ma costante, con affondi decisi, mentre altre volte lo lasciava scivolare lentamente, mentre affondava dentro di me. Ho goduto ripetutamente e a lungo di questa scopata, quando lui è stato al culmine del suo piacere, mi ha guardato negli occhi, ho intuito quello che voleva sapere da me.

«Vieni, riempimi, voglio sentire il tuo seme inondare il mio ventre. Godi liberamente, tanto sono protetta.»

Lui ha continuato pomparmi ancora un po’, poi improvvisamente rimasto piantato tutto dentro di me, e un’ondata di calore, ha invaso il mio corpo, mentre lui con un gemito, seguito da un grido quasi liberatorio, mi ha donato il suo piacere. È stato un momento bellissimo, intenso, e appagante. In quel momento mi sono sentita veramente bene, avevo finalmente avuto l’occasione di godere, di sentirmi appagata e soddisfatta, in maniera diversa dal sesso, che ho sempre fatto con mio marito, che ultimamente era diventato monotono e ripetitivo, privo di fantasia e soprattutto non molto appagante. Per due anni, ogni volta che mio marito si è assentato per lavoro, abbiamo passato dei bellissimi momenti insieme, durante i quali, ho goduto del piacere di fare sesso con lui, di sentirmi amata, desiderata, non tanto come moglie, ma come femmina, desiderosa di provare le gioie del sesso. Un giorno, mentre eravamo insieme a fare colazione, mi ha fatto conoscere Stefano, un suo collega di lavoro. Stefano, si è rivelato subito una persona allegra e divertente, ma molto più esplicita è sfacciata rispetto a Lorenzo, facendomi subito capire, che non gli sarebbe dispiaciuto, finire fra le mie gambe, per fare sesso con me. Ho guardato Lorenzo, sembrava infastidito, quasi geloso, il modo di fare di Stefano, anche a me, in un primo momento, questo suo atteggiamento, mi ha un po’ infastidita, anche se, dentro di me, sentivo che quel bel ragazzo, mi aveva in qualche modo incuriosito. Nei due mesi successivi, mentre facevo l’amore con mio marito, o con Lorenzo, spesso e volentieri, ho pensato a come poteva essere farlo anche con Stefano. Questo pensiero mi riempiva di curiosità, nello stesso tempo mi intimidiva. Un giorno che mio marito era di nuovo assente, nel tardo pomeriggio, ero a casa di Lorenzo, quando improvvisamente, è arrivato anche Stefano. Per un attimo la cosa mi ha infastidito, e soprattutto ho guardato Lorenzo, facendogli capire che questa situazione non andava a nostro vantaggio, lasciando capire a Stefano, che fra di noi vi era qualcosa, ma lui ha sorriso, mi ha invitato a non farne un dramma. Ci siamo seduti sul divano per sorseggiare un caffè, poi improvvisamente Lorenzo, che era seduto al mio lato destro, mi ha messo una mano sulla coscia, ha iniziato ad accarezzarmi, mentre Stefano, che era seduto dall’altro lato, ha fatto la stessa cosa. Dopo un momento di stupore e di imbarazzo, ho provato dentro di me, il desiderio e la paura, nel vivere quello che stava accadendo. Poi ho sentito due mani, che mi accarezzavano sempre più intimamente, mentre due bocche mi baciavano il collo da entrambi i lati, giocando con i lobi delle mie orecchie, un languore improvviso ha invaso il mio corpo, e nonostante cercavo di dissuaderli, dentro di me, il mio corpo, aveva già deciso di arrendersi, e ben presto hanno iniziato a masturbarmi, facendomi subito provare piacere. Era incredibile la sensazione di sentirsi accarezzata da due mani, baciata da due bocche, che stimolavano ogni mia parte erotica del corpo. In breve mi hanno portato a provare un primo orgasmo, che mi ha fatto vibrare tutta, lasciandomi quasi senza fiato, poi senza neanche rendermene conto, ci siamo alzati, e mi sono ritrovata distesa sul letto, con Lorenzo e Stefano, che in un attimo mi hanno denudata. Mi sentivo osservata, nuda, ed esposta al loro sguardo, al loro desiderio. Anche loro si sono spogliati velocemente, si sono sdraiati di fianco a me, hanno incominciato ad accarezzare, baciare ogni centimetro del mio corpo, facendomi provare sensazioni dolcissime, e nello stesso tempo, salire la mia eccitazione a un punto tale, che mi sentivo bagnare fra le gambe in maniera incredibile, mentre i miei seni baciati, torturati, dalle abili mani di questi due uomini erano gonfi, con i capezzoli duri e tesi, mentre le loro dita, indugiavano in ogni angolo del mio corpo, concentrandosi fra le pieghe del mio sesso, da cui sgorgava il piacere che stavo provando. Lorenzo si è abbassato, ha preso a leccarmi fra le gambe. La sua lingua, come un serpente, si è insinuato in ogni piega della mia carne, entrando dentro di me, succhiando il mio clitoride, facendomi provare una forte eccitazione, che ha teso il mio corpo, in attesa di esplodere in un orgasmo, che è arrivato improvviso e forte, che mi ha fatto tremare come se fossi percorsa, da una scarica elettrica. Un lungo gemito uscito dalla mia bocca, dentro la quale si era infilato, fin quasi alla metà il sesso di Stefano, che me lo aveva infilato, mentre Lorenzo mi leccava. Forse un po’ più corto del suo, era sicuramente più largo in circonferenza, e questo rendeva difficoltoso, infilarlo tutto in bocca e in gola. Dopo aver goduto, e assaporato il mio piacere, Lorenzo si è sollevato su di me, e senza nessuna esitazione, ha appoggiato sul suo palo duro, fra le pieghe della mia micetta, che si è aperta, per riceverlo tutto dentro di sé. Lo ha spinto dentro di me con un colpo solo, con forza, fino in fondo, mentre il mio corpo si è inarcato, per aprirsi, per riceverlo meglio, mentre Stefano adesso, mi teneva la testa ferma fra le mani, e con un ritmo lento, ma continuo, mi pompa in bocca, quel cilindro di carne dura e pulsante. Lorenzo ha preso stantuffarmi, con un ritmo abbastanza veloce e continuo, che ben presto mi ha portato provare un ennesimo orgasmo, mentre succhiavo con forza Stefano, che apprezzava molto mia bravura orale.

«Che splendida pompinara! Lo succhia veramente bene.»

Mentre continuavo a tremare dal piacere che mi procurava Lorenzo, Stefano improvvisamente, gli ha chiesto di cambiare posizione, lui si è sfilato da me, si è disteso supino, mi ha fatto sedere su di lui, e anziché infilarmi il suo cazzo davanti, lo ha piantato direttamente dentro il mio culo. Ho cercato di protestare, per la rapida intrusione, e per il fatto che ho immediatamente intuito il loro scopo, era chiaro che adesso mi avrebbero preso in doppia. Stefano infatti, dopo aver aiutato Lorenzo a piantarsi bene dentro di me, sollevando le mie gambe, si è posizionato fra di esse, e dopo aver appoggiato la sua splendida cappella, fra le pieghe della mia figa, ha iniziato ad affondarlo dentro di me. L’ho guardato con occhi carichi di stupore, e nello stesso tempo, sentivo dentro di me, il forte desiderio di averlo, di sentirlo tutto dentro, fino in fondo. Lentamente è scivolato dentro il mio corpo, dilatando le pareti della mia vagina, strusciando contro il sesso di Lorenzo, che anche se era infilato dietro, avevo come la sensazione di averlo davanti, insieme a quello di Stefano. Ha portato le mie gambe dietro di lui, poi ha iniziato a pomparmi, facendomi sentire tutta la sua potente dotazione, che mi apriva e mi faceva impazzire di piacere, aiutato in questo da Lorenzo, che inarcate le gambe, mi pompa dal basso in un insieme di piacere, che ha cominciato a sconvolgere la mia mente, facendomi provare orgasmi in continuazione. Non so per quanto tempo mi hanno sbattuto, e goduto, scambiandosi, per due volte il posto. Quando Stefano mi è entrato dietro, mi sono sentita dilatare ancora di più, nonostante avevo Lorenzo davanti, ho goduto nel sentirmi piena e totalmente posseduta. Ho perso la cognizione del tempo, e degli orgasmi provati, fin quando dopo l’ennesimo piacere, che mi ha portato quasi a svenire, li ho sentiti irrigidirsi dentro di me, con un perfetto sincronismo, hanno inondato il mio corpo con la loro sborra bollente, che ha preso a tracimare dai miei buchi slabbrati e ben aperti. Dopo essersi scaricati dentro di me, li hanno presentati davanti alla bocca, per farsi leccare, pulire fino all’ultima goccia. Siamo rimasti distesi senza fiato per qualche momento, poi Stefano si è complimentato con me, per il piacere provato.

«Sei stata magnifica, una troia stupenda, una femmina calda, e una puttana meravigliosa. Spero che questo sia l’inizio di una bella esperienza a tre, che tu voglia ripetere alla prima occasione.»

Mi sono rivestita sono tornato a casa mia, che era quasi mezzanotte, e dopo una bella doccia, mi sono sdraiata nel mio letto, cercando di pensare a quello che avevo vissuto, alle sensazioni che avevo provato. Sentivo ancora il mio corpo, scosso dai brividi del piacere provato, sentivo ancora a mia figa, tumefatta e gonfia, il mio culetto aperto e arrossato, ma nonostante tutto, sentivo dentro di me due cose contrastanti, il piacere provato che era stato immenso, e il rimorso per aver tradito e messo le corna mio marito, che fondamentalmente non se le meritava, questo senso di colpa mi faceva stare male. Mi sono addormentata. Al mattino sono stata svegliato dalla presenza di mio marito. L’ho guardato stupita, avrebbe dovuto ritornare il giorno successivo, quindi gli ho chiesto come mai la sua improvvisa presenza. Lui mi ha guardato dritto negli occhi, si è spogliato nudo ed è entrato nel letto, senza dire una parola si è messo tra le mie cosce, mi ha penetrato con il suo sesso duro e teso, in modo imprevisto, che quasi mi ha fatto provare, più dolore che piacere. Sentivo ancora la mia fica indolenzita e gonfia, da tutto quello che aveva provato la sera precedente, e nonostante le mie proteste, lui ha continuato a sbattermi in continuazione, per poi improvvisamente esplodere, e godere dentro di me con un grido rauco, quasi di rabbia. Ho guardato cercando di capire, lui disteso accanto a me, mi ha fissato negli occhi, la sua voce calma e dura, è risuonata nel silenzio della stanza. Mi ha chiesto, se avevo qualche cosa da raccontare, io ho finto di non capire, ma lui ha ripetuto la stessa domanda.

«Sei sicura, che non hai nulla da raccontarmi?»

L’ho guardato cercando di reggere il suo sguardo, ma ben presto mi sono resa conto, che evidentemente lui doveva aver intuito qualche cosa, quindi ho cercato in ogni modo di sviare il discorso, ma lui, ha ripetuto ancora la stessa domanda.

«Sei sicura, che non hai nulla da dirmi? Non hai niente da raccontarmi, di dove sei stata ieri sera? Mi vuoi spiegare, come mai sia tornata, che era quasi mezzanotte?»

Ora i suoi occhi erano fissi su di me, sua voce ferma, e abbastanza dura, ho intuito, che doveva aver capito, oppure scoperto qualcosa, quindi cercato di minimizzare i danni. Gli ho raccontato di aver passato la serata insieme ad un amico, cenando a casa sua. Lui ha scosso il capo, ha preso la mia testa fra le mani, fissandomi dritto negli occhi, ha ripetuto per l’ennesima volta, la stessa domanda.

«Voglio sapere con precisione, perché mia moglie ha passato la serata con due uomini, ed è tornata a casa che era quasi mezzanotte, con l’aria sbattuta, il trucco sfatto, e l’espressione di chi ha fatto sesso in maniera intensa sconvolgente.»

Mi sono sentita cedere la terra sotto i piedi, era chiaro che sapeva tutto. Ho guardato senza riuscire a reggere il suo sguardo, poi abbassato il capo, e a grandi linee, gli ho raccontato di aver fatto sesso con entrambi. Lui mi ha ascoltato, poi sollevando ancora il mio capo, ha chiesto ancora, di raccontare in maniera dettagliata, quello che era successo la sera precedente, con i miei due amici. L’ho guardato, mi sono resa conto che il suo sesso, era di nuovo teso e duro, che si era eccitato nel sentire il mio racconto, allora prima di tornare a ripetere il mio racconto nei minimi dettagli, mi sono giocato tutto in una domanda.

«Sei sicuro di volere sapere tutti i dettagli? Vuoi veramente sapere, come due maschi, hanno sbattuto e goduto tua moglie? Mi sembra, che ti stai eccitando di nuovo, nel sentire, che tua moglie, ha fatto la puttana, con due maschi, facendosi sfondare ogni buco e riempire di sperma, poi pulire quei membri ancora turgidi, che l’avevano fatta godere tantissimo? È questo che vuoi? Perché se è questo che vuoi, ti accontento subito!»

Lui mi ha guardata, con occhi carichi di desiderio, il suo viso era calmo e sereno, la sua voce quasi rotta dall’emozione, quando mi ha detto, che era quello che voleva e che soprattutto, lo desiderava da tempo. Gli ho raccontato tutto nei minimi dettagli, senza tralasciare nulla, lui senza aggiungere altro, mia disteso supina è salito su di me, e mi ha posseduto di nuovo, questa volta con più forza e vigore, e più a lungo. Poi dopo che avevo provato un bell’orgasmo, mi ha rigirato, e senza tanti complimenti, lo ha piantato dritto nel culo, spingendolo dentro con forza, ignorando completamente, la mia supplica di fare piano, perché ancora arrossato, e indolenzito, da tutto quello che aveva ricevuto la sera precedente. Lui mi ha pompato il culo con forza, fin quando non è venuto dentro, come un orgasmo ancora più appagante, di quello che aveva provato prima. La sua voce, le sue parole, mi hanno eccitato ancora di più, facendomi godere di quello, che mi stava facendo.

«Non ti lamentare zoccola, rotta in culo, lo sento che ti hanno aperto e sfondato in ogni buco.»

Dopo aver goduto dentro di me, ci siamo sdraiati, lui mi ha abbracciata e baciata, spiegandomi che da qualche tempo, aveva il sospetto, che io avessi un’amante, e quindi aveva finto questo viaggio, per poter controllare, se i suoi sospetti erano veri. Mi aveva seguita e aspettato, per vedere quando sarei uscita dalla casa di Lorenzo. Aveva visto, anche arrivare Stefano, per questo, dopo che era passato del tempo, si è reso conto, che io stavo tornando, era rientrato in casa nostra, si è nascosto, mi ha visto mentre mi lavavo, e controllavo la mia fica il mio culo, cospargendoli di crema, per ridurre l’arrossamento che avevano subito. Il suo unico rammarico era stato quello di non avermi potuto vedere fra le braccia dei miei due amanti, mentre venivo scopata e sbattuta, sfondata in ogni buco. Da quel momento sono passati oltre due anni, durante i quali, gli ha fatto conoscere Lorenzo e Stefano, ed insieme a loro, mi hanno scopato spesso davanti a lui, che a volte quando ero all’apice del piacere, mi infilava il suo cazzo in bocca, sborrando e facendomi ingoiare fino all’ultima goccia.

 

 


Ti è piaciuto questo racconto?
Punti: 5,0

1 commenti

Anita
Anita
Ago 12, 2023 at 7:36 pm

Ben fatto mia cara! Ogni lasciata è persa! Splendido questo racconto.

avatar
Ciao, io sono

pennabianca

Autore su Erotika

Il sesso e bello tre volte... quando lo aspetti... quando lo vivi... quando lo ricordi. Un racconto fissa quel ricordo per sempre! PENNABIANCA e un maturo con l'hobby della scrittura erotica.

Vedi Mio Profilo

Racconti Simili

Madagascar
Madagascar
Mag 19, 2024