La mia seconda leccata di figa

Marco
06 July 2023

Come tutti alle scuole medie ci ritroviamo in classi miste, a chi non è capitato di dover fare delle ricerche e portare un tema

facendo gruppo.

A me erano capitate due ragazze e un ragazzo, non ricorso più l'argomento della ricerca, ricordo soltanto che era una rottura

di coglioni pazzesca.

Ci alternavamo a casa di uno e poi dell'altro, e stando tanto tempo insieme si era creata una certa simpatia ed affiatamento.

Sguardi e sfioramenti di mani erano all'ordine del giorno, sino a quando un giorno, appuntamento a casa mia si presentarono solo

le due ragazze, quando suonarono alla porta andai ad aprire, informandomi che giovanni non sarebbe venuto perchè impegnato con i

genitori, si guardarono in faccia e scoppiarono a ridere correndo verso lo studio di mio padre dove solitamente ci mettevamo

a studiare.

Stranamente entrando dopo di loro nello studio mi accorsi che Lucia si era messa a sedere alla scrivania al posto di comando diceva lei

mentre Luigina si era seduta di fronte, lasciando a me l'altro posto di fronte.

Non mi ero nemmeno seduto che Lucia mi ordino di di chiudere la porta a chiave, come maschio in minoranza ubbidì senza nemmeno

chiedere spiegazione, Lucia era una bellissima ragazza alta, castana chiara, un seno appena accentuato ma un culetto che attirava gli sguardi di

tutta la classe, labbra carnose e due occhi chiari penetranti, Luigina era mora, un pò più bassa della Lucia, una corporatura robusta

un culone esagerato ed il seno già abbondante per la sua età.

Incominciammo a studiare per una buona mezzora, ma vedevo che entrambe si lanciavano delle occhiatine e ridevano, non dando importanza al

loro comportamento, in classe le ragazze erano solite comportarsi così e noi mascietti le giustificavamo con la frase 

"hanno le loro cose". Ad un certo punto Lucia chiuse i libri e a voce alta da maestrina disse "INTERROGHIAMO", si misero a ridere entrambe come pazze

La prima domanda fù subito diretta, guardando Luigina chiese Hai mai visto un CAZZO da vicino, Luigina arrossì e guardandomi

rimase un attimo senza parole, sapevo che luigina aveva un fidanzatito più grande di lei, quindi immaginavo la risposta,

lei guardando Lucia in faccia rispose "Io si e TU". Lucia ci guardò entrambi e poi ammise "SI quello di mio fratello" scoppiammo

a ridere io e Luigina ed insieme sempre ridendo bloccammo la sua espressione esclamando "Ma quello di tuo fratello non vale"

Lucia non voleva essere da menodi Luigina e rispose "Un CAZZO e sempre un CAZZO" Luigina tenne a precisare che da vicino intendeva

anche tenuto in mano e assaggiato, Lucia arrossendo disse "NO mai tenuto in mano e mai assaggiato".

Quei discorsi lasciavano presagire un'evoluzione inaspettata ed il mio di cazzo era già cresciuto nei pantaloni. Mi guardarono entrambi e con voce sicura

la Lucia mi chiese "e TU hai mai visto e assaggiato una figa" senza pensare risposi subito "SI", si guardarono e quasi in coro

mi chiesero "Di chi", con molta fermezza guardandole le risposi "Mi dispiace ma non sono fatti vostri".

Si gurdarono e con un gesto di ammirazione mi risposero "COMPLIMENTI hai passato l'esame", si alzarono insieme e dopo un gesto di assenso

si sollevarono la gonna e si sfilarono le mutandine, poi con un gesto ammiccante la Lucia fece cenno alla Luigina indicando il divano

Luigina appoggio il culone sul divano e con un cenno della mano fece avvicinare Lucia, che si sedette dall'altro lato del divano

Sollevarono entrambe la gonna mettendo in mostra le loro fighe bagnate, Lucia mi ordinò di leccare la figa a Luigina mentre lei

avrebbe guardato, unica condizione che nonavrei dovuto infilare niente nè mani ne il cazzo nella loro figa.

Acconsentendo a quella clausola mi avvicinai a Luigina che inarcò il bacino per agevolarmi nella leccata, mi inginocchiai tra le sue gambe

ed iniziai ad assaporare quella figa, era laprima volta che mi capitava di vedere una figa da vicino,ne ero quasi terrorizzato

aveva un profumo intenso ed ero attirato dalla curiosità di assaporarne l'essenza.

Dopo un breve attimo, nel quale cercavo di spostare con la lingua quei peli neri per vedere più da vicino la figa della Luigina

lei mi venne incontro e con le dita allargò le sue labbra intime dandomi la possibilità di raccogliere quello che era ormai

un fiume in piena.

Dando sfoggio di sapiente conoscitore, avevo letto sui giornali porno come si faceva, incominciando dal basso passai la lingua

delicatamente prima sulla parte destra della vulva, salendo in alto, rotenado due volte intorno al clitoride, scendendo dall'altra

parte sino in basso, insinuando la lingua dentro il suo ventre raccogliendo tutti i suoi umori, ad ogni passaggio Luigina

mi stringeva le gambe sul viso, eseguì questo trattamento per circa 5 minuti, mi accorsi che il suorespiro diventava sempre

più intenso ed quando la senti vibrare sulla mia bocca presi le sue gambe e le appoggiai sulle mie spalle affondando di più 

la lingua dentro.

Fù un attimo, sentivo in bocca l'umidità della sua figa e dopo un tremito profondo mi prese la testa e mi tenne fermo mentre le 

ero dentro, inondandomi il viso con i suoi umori, stette ferma un pò e poi guardando Lucia sorridendo escamò

"NE VALSA LA PENA".

Mi alzai asciugandomi il viso e mi diressi verso Lucia, ero pronto a far provare anche a lei i piaceri della Carne, ma questa 

ve lo racconto un'altra volta.

Sono Graditi commenti a raccontiprivati2023@gmail.com

Erotika

Esplora una vasta collezione di storie e libri su Erotika. Trova la tua prossima lettura preferita o condividi il tuo capolavoro!