La perversione oggi

sesso italiano
2 months ago

Una interessante carrellata erotika su vizi e virtù dell'era moderna. Da AP, abbiamo selezionato l'opera di @cortigianocampano.

================

" CORTIGIANE E GIULLARI"

“Dedicato ad amici scomparsi, di ogni età, orientamento religioso e politico; dedicato a parenti che nella loro vita furono umili e saggi, ed oggi prego affinché, sebbene io peccatore, interceda affinché le anime dei giusti si riscaldino sotto la luce del Signore nostro Dio”

“Riguardo tutte le cose e tutti gli uomini, eppure da alcuni vengo evitato e disprezzato.

Accarezzami e guardami con desiderio fino ad impazzire, ma nessun colpo può danneggiarmi o causarmi dolore. Rallegro i bambini, spavento gli anziani e faccio gioire e girare le belle fanciulle.

Piangi e lacrimerò, sbadiglia e dormirò, sorridi e lo farò anch' io.

Chi sono? “

La Sfinge di Edipo che mi ha sempre inseguito; compendio v. m. 18, dove trattasi di storie realmente accadute, con approfondimenti sensibili e Romantici, oltre lo spleen, oltre i desideri di questa becera accozzaglia che osa definirsi “ gente buona”; in realtà molti non hanno il fegato di stare e di dire quello che vorrebbero; sono solo vigliacchi e vigliacche e sanno solo nascondersi e dire bugie per poi ritrovarsi a 50 anni vecchi, divorati dalle mode e dal consumismo. Allora quando incontrano un essere speciale fuori dal branco, ecco, che molti puntano il loro dito del “cazzo” e dicono “quello è un uomo o una donna cattiva!!!!” E dopo come vi sentite più buoni? Dite solo bugie e sapete solo nascondervi; io questo problema non’ è l’ho; io la verità la dico sempre anche quando dico le bugie”.

(Discorso Tony Montana in “ Scarface” di Brian De Palma scena ristorante; era un cameo di discorso, e ho dovuto inserirla come citazione.”

Non di mestiere, ma Donne disinibite, nella mia migliore stagione, e oltre, né ho incontrate abbastanza, dal meravigliarmi di capire, perché con me, a letto si ci innamoravano sempre? Tutte donne che sarebbero definite oggi milf, cougar,gilf,( per me sono donne)donne dai 54 fino a 84 anni di età; alcune non proprio :" perfette esteticamente” , ma donne aggressive e trasgressive con il mio cazzo per il piacere di esserlo, per il piacere di toccarlo, succhiarlo, ingoiarlo con sperma drink o sputare ; donne laide , formose, tettute come vacche e con quel pannicolo addominale che le rende così arrapanti; io e loro conosciute in incontri casuali, e con me riconobbero il magnetismo di chi finalmente le saziava e completava le loro voglie , incontrando per destino me ed io loro, cercavo di farle sempre felici, quindi le desideravo non perfette esteticamente ma “ in crisi di astinenza di cazzo”; ma il destino era destinato a farmele incontrare sul cammino della mia vita quasi per caso non essendo avvezzo a disturbare ,' iniziai a capire cosa attirava alcune femmine di un età che non scendeva al di sotto dei 54, con i miei 29 (quando partii a capire le mie doti diventai sicuro), a dire loro, sempre soddisfatte per la mia completezza e concretezza et virtù che molti " pseudo maschi" probabilmente non hanno, perché manca il pizzico di: verve e, cultura et Romanticismo e pragmatismo con un po' di sadomaso , passione e dedizione; con qualcuna ci andavo forte, quanto “ avevo carta bianca di USARE ed esserlo a mia volta. Quando le femmine sono semplici e vogliose,chiedono di essere dominate e non immaginate con quale fantasie e gusto e dedizione lo fanno; considerando, che dai 17 anni( in cui ebbi la mia prima eiaculazione , e questa purtroppo è una vicenda che ho narrato ma una storia proibita del mio primo innamoramento sessuale, che non facilmente posso raccontare o male sarebbe accettata, per come sono andati i fatti realmente e per la sua natura….) di storie etero o omo di sesso, ne conto sulle dita,;molte occasioni perse di avancè esplicite di donne(moltissime ,tra coetanee e mature, comprese mamme e sorelle dei miei amici); ma non volevo legami, e quelle vissute inizialmente e intensamente non ne volevano nemmeno loro legami asfissianti e non pensavo, comunque, che in una maniera o nell' altra, qualcuna mi cercava per usarmi come toy boy; solo una oggi mi è rimasta ; molte in alcuni casi si sono protratte nel tempo fino a scemare ed esaurirsi, ma rimanere oggigiorno solo con Rosalinda( io ho quasi 50 anni lei 83 mi fa sentire ancora vivo); le Donne vere , anche se oggi poche, soffrono e combattono un ruolo più difficile di quello maschile ,ma quando gratificante avere figli e crescerli poi vivere il resto della vita come viene, per loro è il massimo godimento, se il gioco è ok; cosa che noi maschi non capiremo, forse, mai!; fare sesso fuori dal matrimonio è tipicamente Italiano tra scenate e tabù, e comunque godere con una persona che stimi e nutri fiducia e attenzione che non sia tua moglie, equivale capire l' anima e la psiche di noi tutti, per poterci emancipare e migliorare, in quanto inconsci che nell' aldilà non esiste il piacere del corpo, tutto è armonia. Gli Umani quando godono in carne si avvicinano con l’anima a una dimensione che appartiene alla profondità del ' universo. Queste Donne data l' esperienza umana e sensibilità hanno vinto l' uomo; alcune si ci sono buttate come me, anche se si innamoravano io non amavo loro, o almeno come avrebbero voluto; non si possono possede le persone come si fa con un cane; semmai io mi sarei più sentito “gatto”!!!!

Ricordate sono le Donne che scelgono.

ALCUNE STORIE REALI CON AMICHE DI "LETTO "PUBBLICATE CON VIDEO E FOTO SUL MIO PROFILO" XHAMSTER"(Deatlaff per gli amici")( protagoniste dei miei video personali; sono tutte persone maggiorenni e cosentienti, e ogni riferimento , e puramente casuale.)

" Ricordate maschietti; quello che voi anelate di fare come le cose più porche e perverse con donne diverse, e che questi pensieri, vi creano incubi da " succube", e cntorcendovi, nei vostri giacigli, e vi fanno svegliare sudati e nel mezzo del letto a dire " maronn', ma che era?"; ricordatevi, che le donne lo hanno già fatto!!!" (cit. Prof. De Rubertis)

CORTIGIANE DEL NUOVO MILLENNIO E EMANCIPAZIONE DELLE DONNE OVER "40" NEL 21° SECOLO.

Racconto vietato ai minori di anni 18

" lo sò che voi scopate Donne belle, ma io scopo l' anima e non solo il corpo,nè per danaro,gloria o altri; credere o non credere.......

Esperienze di vita , vissute con donne mature e adulte,(la maggior parte over 50), che mi hanno fatto scoprire il sottile piacere di " compiacerle", e viceversa, ho ricevuto piacere fisico e mentale, in una empatia che ha rafforzato alcuni rapporti per periodi abbastanza più lunghi di semplici " avventurette". Non solo sesso, ma una goduria immensa, in donne forse esteticamente non proprio " perfette", ma il gusto è un fattore personale, e posso ammettere anche che sono veramente poche le donne " belle" che sanno liberalizzarsi, godere, ed essere emancipate; proprio perchè si sentono " belle" con migliaglia di maschietti che " scodinzolano" molte , anche se non tutte, "sono profondamente narcisiste". Qui poi al sud, vale trovare il pollo da spennare criticando le donne dell' est quando si accorgono , che molti uomini, e non parlo solo dei pensionati in vedovanza, sposano e si uniscono a "DONNE VERE", che malgrado i difetti, se amano davvero, sono premurose, femminili e fedeli, al contrario di queste melanzane italiote, che pensano che tutto gli è dovuto, senza sapere essere nè donne, nè femminili, e non riuscendo nemmeno a " friggere un uovo", perchè le loro madri non le hanno insegnato nulla; molte italiane poi sono virago nello stretto senso della parola e non ci sono santi, si sentono meglio dei mashi, queste principesse fra qualche anno potranno al massimo comprare dei vibratori, o trovare un banana al cioccolato ,islamico,che le rompa il culo, e poi vediamo se c' è violenza sessuale.Poi non parliamo dei " maschietti" che devo ammettere che per mentalità soprattutto sono letteralmente "inguiati e ignoranti". Le donne con cui ho intrattenuto relazioni sessuali extra( anche dopo il matrimonio...tomba dell' amore),a scartare qualcuna, il resto mi hanno dato la gioia di godere dei loro corpi, e di far vibrare i loro, in multiorgasmi, che hanno saldato la loro propensione a tenermi come un " tesoro", come la trasgressione che nella vita val la pena vivere. Sopratutto il 21° secolo, è peggiorato; non perchè oggi , non vi siano elementi validi, ma i rapporti, molti, li vivono in maniera consumistica, narcisita appunto, e molto distorta, legata spesso al valore " denaro". Che schifo.......era meglio quando si stava peggio e il mondo di questo passo,andrà incontro ad un nuovo " olocausto" che azzererà tutto. Il mio scritto è un poco di analisi della situazione reale , e non esagero ; descriverò in termini di " paragone", donne libere, innamorate, liberalizzate, monogame,e con una voglia sessuale accesa dal fatto, che io , faccio godere le donne , o almeno ci provo, come nessuno altro o meglio di " pochi" maschi alpha" rimasti. Non incolpo nessuno e nemmeno mi ritengo arrogante, cerco solo di dire la " verità". Non amo, le coercizioni, i ricatti psicologici e fisici, la violenza e il " calcio"; l' unico calcio, lo darei nel culo a certi elementi, shaampiste da 4 soldi acculturate e non, fighe e non. Chi si credono di avere a che fare, e chi si credono di essere? Non sanno fare i bocchini, non sanno fare sesso anale, non sanno cucinare o dialogare, che cazzo sanno fare? Tutte o quasi su un piedistallo femminista che ha traviato gravemente e incrinato, i rapporti fra sessi opposti. Non amo i " cani" e odio le persone che li possiedono; io possiedo un " gatto" e ciò riflette differenze caratteriali al di fuori dei luoghi comuni delle persone ignoranti e arroganti come i nazisti a parte le eccezzioni....). Se fossi stata donna, l' avrei data a chi dimostrava tatto e passione; la vita , ricordatevi è un passaggio, poi saremo spirito ( che è immortale) e cenere.

LE MILF LE HO SCOPERTE IO.....

Descriverò le storie e le impressioni e ricordi vissuti con 4 o 5 DONNE IMPORTANTI, che nella mia vita( escludendo mia moglie che è la madre di mio figlio) , con cui posso affermare di aver avuto per ognuna di queste un pezzo molto grande della loro bellezza e concretezza di femminilità. Mi soffermerò su queste perchè ho avuto relazioni più lunghe poi terminate, ad eccezione della ultima che descrivero appunto per ultimo. Pertanto i racconti verranno coperti con nomi inventati per coprire la privacy, e si invita a chiudere il racconto se siete particolarmente sensibili e disgustati.

Non a caso queste donne erano senza vincoli , o single , o separate e 2 vedove.Ho puntato il mio fare sulla " presunta astinenza di queste donne". A parte una, le altre quali vedove e separate, hanno sicuramente avuto dei rapporti sessuali, ma come loro ammettono, e non per presunzione, mai così intenso da farle "GODERE" in MULTIORGASMO; sarà perchè amo leccare la figa nei punti nevralgici delle donne, e poi ci metto le ni , le dita e l' anima oltre al pisello, che è l' elemento che viene per ultimo. Ai surrogati della masturbazione, io preferivo le grosse mammelle di una 54 enne che sbocchina; al guardare solo e sempre i porno, non si è mai attori ma spettatori. Idem per qualsisi cosa, che gusto cì è nel fare sempre nella propria vita " occhi pieni e mani vuote" ?

E' bellissimo sedurre la collega single 56 enne , che somiglia a Marina Hedhmann quando poi scopro che la porcella per una vita si è masturbata senza mai prendere un cazzo vero.

E' stratosferico, sedurre la vedova 53 enne conosciuta dopo un momento di lavoro, e poi ricontattata vogliosa di sbocchinarmi il cazzo pieno di Nutella.

E dulcis in fundo, con una oggi 83 enne da " urlo" che dimostra ancora 20 o 30 anni di meno, con un culo e coscie faraoniche, pur non essendo alta di statura. Con questa ultima il rapporto continua ancora oggi.

LE MIE CORTIGIANE.

Riflessioni ed esperienze di " vita" personali; la privacy di ognuna sarà tutelata da nomi falsi, mentre quelle foto in cui sia visibile visi, cercherò di impostarne meno possibile. Le protagoniste erano tutte maggiorenni e si prega di destinare la lettura ad un pubblico adulto; se siete sensibile chiudete qui, altrimenti se continuate a leggere siate critici senza pregiudizi. (V.M 18).(Consenso alla pubblicazione di eventuali foto con donne tutte 18+).

- DONNE MATURE:" NON IN CRISI DI NERVI".

21° secolo; certo che di passi " indietro se ne è fatti,"paradossalmente"; in cosa?

I rapporti umani autentici, morali e fisici sono decaduti. Rispetto, accettazione dei ruoli, sacrifici, sono parole che oggi per molti anacronistiche e senza significato. La vera guerra è questa!!! Un mondo di selfie, tatuaggi, denunce di violenze sessuali post carriera e ( si sono ricordate), finte violenze sessuali, altre purtroppo reali, ma con tolleranza verso gli immigrati. Non sono razzista ma accanto alle schifezze degli Italiani si aggiungono quelle di altre etnie, soprattutto africane, che in Italia vedono le donne " infedeli" e quindi le prendono per diritto di stato. Italiani che vanno in crisi quando scaricati, e facilmente uccidono le compagne o ex compagne; sono matti, se imparassero a non essere " zerbini" non ucciderebbero nessuno; che idioti!

Oggi sulla soglia dei 50, posso dire " di aver vissuto e vivere malgrado i momenti tristi," e recuperato" i momenti che la sessualità eterosessuale a 360 ° ti dà; sposato con figlio sano; ma il matrimonio, poi si riduce alla cura dei figli ed è raro che con le mogli, almeno quando bisogna educare, tutto da pensare fuorché il sesso(sbaglio io, ma sbaglia pure lei) ;( almeno da parte mia, legato anche a problematiche personali degli ultimi periodi).Il sesso che si faceva da fidanzati ora è spento. Un poco tutto nel sesso diventa freddo, quando devi affrontare il lavoro, i pagamenti e i litigi dei miei genitori, che per quanto sposato e , loro sono aiuto nei momenti di difficoltà, ma regalano anche filo da torcere talvolta. Ed io cerco sempre di conciliare; l’ho sempre fatto, con chiunque e ovunque. La gente più di legarsi tende a scocciarsi e allontanarsi; io penso che due persone compatibili, dovrebbero avere una vita intera per conoscersi, in realtà si sono conosciute in una altra vita e questo spiega l' arcano. Corsi e ricorsi.

Fino a 4 - 5 anni fà sia da sposato e poi fidanzato , avevo il modo di frequentare ben 5 amanti mature degne di nota, contemporaneamente ; oggi frequento una soltanto, e vi racconterò bei dettagli.

Queste donne con me, vere libertine sebbene monogame non hanno mai accettato scambi o cose simili; hanno solitamente deciso di liberalizzarsi con me , ed io senza remore le ho soddisfatte in un modo o nell' altro.

MARINA; LA DOTTORESSA SOSIA FRAJESE.

All' epoca io 30 anni lei 54 con una relazione durata circa 4 anni; lei medico, single, viveva con l’anziana madre e la badante; una porca che io risvegliai, Marina super felice da laica e un poco trascurata nel suo valorizzarsi di donna, incominciò a manifestare breccia nella sua mente il desiderio di " lasciarsi andare e recuperare" il tempo perso, e visto il suo celibato,aveva certe voglie represse da monaca; con me raggiungeva picchi multiorgasmo smettendola di essere relegate alla masturbazione con le dita come lei ammise; nel caso di Marina solo se per telefono le ordinavo per gioco di farlo si chiudeva in toilette e si ficcava dita in figa e in culo. Bionda, in carne ma alta di statura, un fisico " burroso"; 54 enne single ed io 30 anni single (fidanzato dopo). Lasciava intendere di essere una donna fisicamente attraente a parte qualche chilo in più. Grossa fisicamente, occhi azzurri e grosso culo e bacino, con tette intorno alla quinta. Una bisteccona insomma. Dopo un opera di convincimento sulle sue represse dighe morali, la convinsi a valorizzarsi come donna in quanto potenzialmente era una pentola che bolliva; concordato una visita pomeridiana a casa sua mi accolse calorosamente; lei con una mano sulla patta mi fece capire che voleva e allora lei di spalle in cucina a preparare il caffe le toccai il culo, e ne fù felice in quanto ammise che nessun uomo le aveva mai toccato il culo, ; concordammo un uscita la prima volta per un incontro in auto, e lei sotto mio ordine indosso reggicalze; il risultato che la prima volta le leccai la figa in auto bagnandomi il sedile; lei fradicia era eccitatissima da una lunga astinenza. Era partita, con mè avrebbe fatto di tutto e si sarebbe eletta " mia geisha personale" per non dire " puttana".Formosa, bionda con tratti nordici, incominciò a sbizzarrirsi, curando l'aspetto fisico e l’intimo. Guepière, completini ragno, perizomi, calze a rete e capelli con piastra, truccata, unghie smaltate , intimo e stivali da look troiesco ,un pomeriggio così conciata " la battezzai" con una sborrata sul viso dopo accenni di penetrazione ano/vagina.Sebbene agli inizi Marina era " pronta" , e vista la sua propensione sul " fammi tutto " , avevo carta bianca.Pronta a pomeriggi in Hotel dove la sverginai con due grossi cetrioli in culo e figa comperati in frutteria, pur inizio eddendo un pò lordato da residui di feci non mi " feci intimidire; po, con il culo a tarallole ficcai il cazzo in culo, cosa di cui godeva come la più " estasiata delle maiale"; cosa che prese gusto ed era prassi usare carote e cetrioli da usare mentre lei a pecora le infarcivo il culo co il cetriolo e la figa ; poi sfilavo cetriolo dal culo e pompavo , alterandomi con l' ortaggio , e una volta sfinito, a sborrarle nel culo a riflesso condizionato un fiume di sperma; a casa sua mi trascinava in uno sgabuzzino con poca aria, tirava giù tuta e mutande e si fletteva a 90° per prenderlo nel culo; un giorno i venne un collasso per il caldo e passammo nel suo studio. Marina godeva nello sbocchinarmi con maestria insalivandolo come una cagna, poi a mio cenno la sbattevo sulla scrivania a 90° ed un poco in figa ed un poco nel culo, sfilava via.Ejaculavo o nel retto o in bocca , raro in figa(era fertile e avevo paura che ci scappasse la gravidanza, anche se lei desiderava in figa comprando lei stessa dei condom che subito abbandonammo).Comprai palline cinesi, doppio dildo in gomma che incominciammo a usare nei giochi, e le facevo visionare film porno dove poteva imparare le tecniche dell' amore. Una scoperta nel vederla sbocchinare insalivando il cazzo per ore; era una zozzona per quanto una brava ragazza. Passavo dal cazzo in culo , in bocca, e lei lo anelava ; la avevo abituata da me al sesso anale, le sborrate nello sfintere non si contavano. Oramai doveva dimostrare che anche lei era " donna"; con la madre in salotto, mi faceva denudare dei pantaloni, e sul divano, la leccavo, la penetravo, e spesso le ordinavo nuove misè, tanto per dire, una volta in gonna senza mutande, con palline cinesi inserite, doveva stuzzicarmi e come se ogni volta fosse lei a sedurre. Era scatenata e devota del piacere che le provocavo; spesso mi riferiva che maschi con la scusa di dolori ai testicoli (lei dottoressa)più volte, forse pensando fosse facile, si recavano da lei per " farsi visitare" ma lei li sviava. Sbocchinava come una ossessa, e lo scopo era farmi capire che anche lei era una " donna capace di godere e farmi godere"; un pomeriggio si inginocchiò in cucina, mi abbassò la zip e dopo un bocchino a risucchio, soddisfatta proferì che era " fradicia" e se avesse levato le mutande sarebbe stato inutile " rindossarle pulite". Quando non le sborravo dietro succhiava e beveva, tutto. Passava il tempo e il suo look e la sua espressione sembravano assomigliare a quelle di una famosa porno attrice anni 80, e caso volle che una occasione ci fù veramente in cui fu scambiata per una prostituta. Oramai con ardore non rinunciava al sesso con me, rischiando, talvolta di essere scoperti soprattutto quando qualche pomeriggio a casa mia ( la mia futura moglie al lavoro) , con una coperta sul pavimento veniva scopata e poi appoggiata alla scrivania a 90 °, con le mani divaricava le chiappe per rendere più agevole l' inculata. Doppi falli di gomma e vibratore accompagnavano sovente i nostri giochi anche se lei era ispirate dalle carote. Una figa grossa biondo rossiccia e pelosa, con un clitoride che in eccitazione era la testa di un chiodo da carpentiere; là leccavo inguainata da calze a rete e lei con le mani nei miei capelli, mi diceva " sì sì il mio diavolo", mentre fiumi di umori e gelatina schiumosa bagnavano il mio viso; lei con un’espressione estatica godeva molto. Ad un certo punto quando lubrificata per il liquido colato anche dietro la giravo a pecora e le infilavo il buco del culo capiente, dove sovente le sborravo dentro l’ampolla rettale fiumi di sperma accasciandomi sulla sua schiena esausto. Da fervente laica a schiava dei piaceri carnali; e lei non rinunciava fino a quando mi sposai e per gelosia, pur saltuariamente ci incontravamo, ma essendo possessiva e innamorata sembrò che qualcosa era destinato a scemare, ma era ancora prematuro. Numerosi i filmati mentre mi spompina, ma ad un certo punto posavo il telefono per le riprese perché eccitato ero impegnato a scoparla in tutte le salse, nel contesto era una zozzona per natura, ed era capace di succhiare il cazzo dopo averlo sfilato dal culo. I cetrioli e i cazzi di gomma che ha preso in figa e culo erano da far impallidire una pornostar, poi le palline cinesi, e ogni tutina era da vera " puttana" pronta a far intostare pure un morto. Del resto basta che ordinavo e lei eseguiva, e quando era senza mutande,in gonna, si sedeva sul tavolo scrivania e mostrava un figone cespuglioso biondo /rossiccio che si bagnava a iosa,e ricordo nelle mie leccate i peli che ingoiavo.Una ex devota della chiesa che per anni si era repressa, masturbandosi come raccontava, e il suo fascino, era quello della " prostituta" mancata visto che le sue forme potevano fare colpo su " molti"; la immaginavo come una " zia" , proprio come la Frajese, stessa espressione e incredibile rassomiglianza nel fisico e nella porcaggine. Fatto sta che se eccitata era un " lago" di umori, e in una mattinata in Hotel a Pompei, abbigliata da zoccola con palline cinesi, fui sbalordito che evidentemente ogni movimento le provocava orgasmi per via delle palline.Una zozza nel vero senso della parola, e lei non poteva farne a meno anche quando le riferì di voler troncare , allorchè mia moglie sbirciò un nostro video su pc dove il mio viso non ripreso ma dita e anelli mi tradivano in quanto visibile ch le mani erano mie,. Lei non era disposta a rinunciare a mè, e calmate le acque passavo interi Giovedì pomeriggi a casa sua ( la badante in libertà); mi sfilava gli slip, e nuda con lingerie sul divano, abboccava il cazzo succhiando, roteandolo, ingoiandolo, e angolato in quella bocca a gote piene.Sublime l' espressione di quegli occhioni azzurri che languidamente mi guardavano mentre si spupazzava il mio cazzo; " che grande" ebbe modo di dire in più occasioni, e si meravigliava che fossi sempre arrapato; sfido io, con quel ben di Dio.Cosa comune a queste donne è la pancia, quel pannicolo adiposo che in alcune appare bello da essere definite le maniglie dell' amore. Indossava perizomini che data la misura le segavano spesso per attrito,e l' elastico le creava sovente abrasioni nel solco gluteo, sopratutto con i perizomini più stretti,ma lei soffriva e godeva; un poco sadomaso, o BDSM , lo aveva come inclinazione. Più prendeva gusto e pìù cambiava intimo; da calze con reggicalze, a mutandine e calze a rete abbinate, a catsuit, a tutine che erano da pornostar sadomaso, con stivali e reggiseni a coppa. I primi tempi nell' icularla mi lordavo un pò sopratutto quando con cetrioli o mani le facevo fisting anale , una mano che dilatando arrivava nell' ampolla rettale e lì con le dita avvertivo talvolta frammenti di feci. Strana riflessione, ma notai che le persone che convivono con cani, spesso sono " zozze"; mi ricorda una mia amica che promiscua con cani e gatti, mostrava una libidine simile. Col tempo il matrimonio, la allontanò definitivamente, presa anche dalle cure per la madre che da lì a qualche anno sarebbe deceduta; la morte della madre la portò in prostrazione e da quel momento i nostri incontri sempre più fugaci, si conclusero col rifiuto di lei di continuare la nostra storia. Diventò fredda e sempre più distaccata dopo il mio matrimonio, in quanto possessiva e innamorata , era quasi giunta alle battute finali. Ultimo exploit è un inculata, che lei, conb la madre allettata , mi porse il culo quasi nudo mentre le posizionava il catetere. La osservai e davanti a molti astanti al capezzale uscì dallo studio su tacchi e vestaglietta con occhiali da vista; mi chiese di incularla sulla scrivania, con lo sperma che le colava dal culo come una puttana. Era una devota del mio cazzo altro che casa e chiesa e lavoro; la carica erotica, repressa in donne con estrogeni femminili come quelli di Marina era il carburante della femminilità, mentre gli ormoni maschili dettavano un desiderio sessuale intenso , coltivato in mille fantasie chissà da quanto.Marina cercava il maschio che dominasse e con mè aveva sublimato, anni di repressione mentale , e di fantasie da " porcella". Altro che " pornostar"; le donne " anonime per il volgo o " comuni" , single o vedove o separate, non le fanno dimenticare l' impulso della libidine.Marina tutto sommato, pur essendo una brava ragazza , ma scatenata come una baccante e performante come una troia, solo dopo averla liberalizzata; cosa che non succede alle ragazzine ( tranne eccezioni), queste non hanno saggiato " la fame" ergo poche sono predisposte ed è necessario una buona dose di sado-masochismo per avere una donna " ad alta intensita".

Voto complessivo medio 8+.

In dettaglio il livello porcaggine per Marina:

• Inculate con eiaculazione in retto 10+++

• Bocchini: 10++

• Penetrazione in figa senza eiaculazione :8

• Uso di accessori sex toys: 9

• Fantasie nella lingerie:9

• Grado di femminilità: 10

• Orgasmi provati da lei per mia opera:10+++

• Piacere provato per sua opera:10+++

• Istinto porcaggine:

• Grado Culturale : 10+

Condizioni economiche

DOROTHEA, LA VEDOVA DELLA VISITA DOMICILIARE.

54 enne vedova , la conobbi in quanto durante un mio turno, mi chiamò per visitare la madre anziana agonizzante sul letto in punto di morte. Io accorsi al capezzale e per lei quello non era un momento felice date le condizioni terminali della madre; lei sola gestiva tutto e non ebbe aiuto dalle sorelle. Malgrado un cero feeling scatto, e mi ripromisi di chiamarla. Bionda, pienotta, ma femminile, un pò volgare da femmina del popolo ma mi eccitava. A Settembre la telefonai per gli auguri onomastico e mi riferi' che la madre era deceduta mesi fà.Mi invito un pomeriggio a casa per un un caffè ed era radiosa malgrado la perdita della madre; dopo il caffè ci baciammo e mi trascinò in camera matrimoniale e spogliandoci notai una foto dell' ex marito, padre dei suoi figli, ma fedigrafo in quanto in vita aveva concepito una figlia femmina da una giovane amante, e malgrado lei sapesse e avesse perdonato, un cancro ai polmoni stroncò il marito a 53 anni lasciandola con 3 figli maschi da accudire; apprezzo il coraggio di queste donne e non aggiungo altro.Sarà questione di un altra educazione dove essere donna era più arduo ma chi ci riusciva, a crescere figli e accudire genitori, è da medaglia al valore, altro che certe sguattere. . Malgrado " pienotta si dimostrò agile nello sbocchinarmi e nel cavalcarmi ad amazzone di spalle ; godeva di un cazzo che lei riteneva grosso, poco e sbocchinava con gusto e maestria non ingoiando ma sputando lo sperma; un vero peccato! I primi tempi presa dal " giocare" , un pomeriggio sul lettone intingeva il cazzo duro in un va setto di yoghurt, e pompando fù l' unica volta che mando giù sperma e yoghurt, non sò se volutamente o per errore, nè fù soddifatta ma no ebbe un seguito nei pompini a venire.Altro pomeriggio riempì la vasca da bagno ed io nudo, all' impiedi avevo lei con un altra sua fantasia ( erano fantasie che lei mi proponeva...), con il cazzo duro stavolta nella Nutella e mangiava il gelato;e dopo mi lavò perbene perchè la Nutella macchia. Non incline a farsi leccare era la figura della donna sttomessa all' uomo. Aveva comunque sviluppato delle fantasie.E i primi tempi mi slacciava la patta dei pantaloni per ciucciarlo con un ingordigia arretrata anche sul divano, prostrata,ma regina dello scettro del signor cazzo.Spesso anche le mi accompagnava (non proprio spessissimo..) nei miei turni notturni, dove in un intere nottate si giunse a fare bocca, figa e culosu un lettino stretto.)Infracoscio, pecorina, pompini, amazzone , missionario, faretra erano posizioni assunte da lei con agilità malgrado non un fuscello, ma tarchiata. Negli ultimi tempi e nonna a tempo pieno di due nipotine e ho preferito non tediarla più di tanto in uscite che negli ultimi anni si risolvevano in picche da parte sua nel 97% dei casi.Credo che abbiate capito.

MARZIA; LA MAGGIORATA STAGIONATA POPPONA POLACCA.

Marzia (anni 58 lei mentre io dai 30 ai 40 anni); la definirei la relazione più lunga che abbia avuto, protrattasi prima e dopo sposato. Un donnone, con occhi verdi, corpulenta e grossa di corporatura, con lunghi capelli corvini che non tagliava mai ( le arrivavano sul sedere da sciolti) e particolare degno di nota , una misura ottava di seno naturale.Parlava poco Italiano, e piuttosto sfaticata e poco incline al lavoro di badante, per la facile stancabilità di una donna seppur non anziana ma sovrappeso e un poco svogliata. Sua specialità erano i bocchini alla "polacca" con ingoio di sperma; adoratrice della gola profonda, la rimorchiai una mattina di cazzeggio, su una panca del lungomare; lei vestita di un vestito rosso, con rossetto e un’ampia scollatura, da rimorchio. Un pancione che sembrava una donna in gravidanza, all’inizio poco propensa alle scopate in figa; " Marzia fa’ solo bocchini" proferì, una volta, ma anche lei dopo gli orgasmi provocatogli dalle lappate di figa, diventò desiderosa di essere scopata raramente( in posti comodi) in figa ,e una volta nel culo, anche se il dolore provocatogli da quella esperienza non la gratificatala come un bocchino ben fatto. Bastava una telefonata, e mi seguiva nei turni di lavoro che duravano dalle 12 alle 24 h, in paesini, in presidi.... di .....dove prestavo servizio. Nel complesso mi ha regalato pompini magistrali, e in cambio di 5 o 10 euro ( lei spesso nulla facente) si imboscava in toilette di autogrill, bar, stazioni di servizio o in auto, e li, scoperte le tettone incominciava a succhiare il cazzo come un flauto, spesso ingoiandolo in tutta la sua lunghezza fino alle tonsille, tanto che ogni tanto le provocava tosse o stimolo di vomitare come se avesse avuto le dita in gola; ma non si perdeva d' animo e con dovizia con mani e bocca lavorava alacremente fino a quando era soddisfatta se riusciva a farmi sborrare il " suo sugo banana" in bocca ingoiandolo, con rivoli di sperma che dalla bocca, le colavano sulle tette. Ottava misura di reggiseno, non passava inosservata, soprattutto ai mercatini rionali dove i venditori, chissà quante porcate le avranno proposta. Anche lei ripresa e filmata, era diventata richiesta da anziani, e giovani venditori di mercato di intimo a cagione delle sue tette imperiali. Lei rifiutava anche anche da persone che le proponevano fino a 100 euro per toccare le tette (suo dire), ma lei rifiutava in quanto anche lei fedele e innamorata di me. E' andata via anni fa’ e non ho più notizie. Era maniaca dell’igiene e passava ore a strofinarmi con fazzolettini umidi il cazzo prima di imboccarlo.

• Bocchini con Ingoio: 10

• Godute sue con mie lappate di figa: 10+++

• Penetrazione vaginale :5

• Penetrazione anale: 5

• Spagnole :7

• Fantasia nella lingerie: 6

• Grado culturale :6

• Condizione economica: 5

• Porcaggine (adorava sbocchinare prevalentemente: 9

• Orgasmi provati da il mio operato:10+

• Orgasmi provati per suo operato :8

• Grado Femminilità:10++

ROSALINDA LA " NONNA DELLE MERAVIGLIE"

Il rapporto con questa " faceta " signora dura tutt'ora da almeno una decina d' anni e continua sebbene vi siano stati periodi di alti e bassi, con il tempo la " frequentazione con questa nonna" è stata ,ed è ancora la più intensa che dura e che mi sia capitata; non intendo solo dalla intesa sessuale, ma dall' empatia che sembra rafforzarsi , ripeto malgrado dei periodi di vuoto in cui non si ci sente neppure al telefono. La signora malgrado la veneranda età di 83 anni, mostra 30 anni di

meno, ed è un fenomeno della natura in quanto molto esteticamente. Vedova da anni, ha lavorato come tecnico odontoiatrico apprendendo il mestiere; ha cresciuta una figlia unica ed è nonna di nipoti molto belle. Bassina, pelle olivastra, un fisico tonico con cosce tornite e un sedere che ricalca le forme di una Venere Callipigia. Terza misura di tette e un poco di pancino, con un taglio carré rosso mogano, rende l’idea di una ragazzina pur non facendo uso di cosmetici (nemmeno rossetto) e facendo sia in Inverno che in Estate dalle 2 alle tre docce al giorno. Sarà questo il segreto della sua giovinezza? Molto svelta nel fare e nel parlare, la conobbi in un centro medico, dove si recò per un Ecg; io presente rimasi folgorato, ed il mio sesto senso, fece sì che riuscissi a strappargli il numero di telefono, per concordare, visto che c'era del feeling e magnetismo molto accentuato. La telefonai e mi propose di andarle a trovare un sabato pomeriggio per un incontro di sesso; aveva le idee chiare e mi desiderava, senza fare lunghe attese e fronzoli vari, lei sapeva quel che voleva. A vederla in strada appare poco appariscente, ma è proprio da queste che celano sorprese. Col tempo mi confessò, che molte sue amiche separate o vedove hanno un giovane amante, di sovente sposati, che evidentemente fanno sesso con queste signore, come non lo fanno con le mogli; la mia teoria sarebbe stata confermata. Lei stessa afferma che volersi bene tra amanti è darsi tutto per tutto visto che la vita non è eterna. Rosalinda mi accolse a braccia aperte con un passionale bacio in autoreggenti e ciabatte; si sedette sulle mie gambe mentre io le accarezzavo le cosce velate dal nylon; un culo grosso e tonico la rendeva appetitosa e di attrazione sessuale anche se all’inizio indossava intimo che non lo metteva in risalto. Negli ultimi anni avendo esaurito le precedenti relazione, ho avuto modo di approfondire con lei, spiegandoci e razionalizzando la nostra relazione senza intralciarci con gelosie dovute al fatto che sia coniugato. È molto scaltra, e non ho capito se la figlia sà del nostro rapporto o meno, lei dice di no, ma ho qualche dubbio. col tempo ha affinato l’intimo, corredato sempre da scarpe col tacco, curata con unghie smaltate, capelli sempre dal parrucchiere ma senza un filo di trucco sul viso. Oramai dopo le remore iniziali negli ultimi anni quando posso le giro dei video o scatto qualche foto da vederla in solitario, soprattutto quando indossa mini slip, calze e tacchi e l' immancabile reggiseno. Nei primi tempi mi faceva il bidet con le sue mani e mi asciugava il cazzo già in massima erezione. La sua bocca è calda ed esperta e le sue mani apprezzano il gioiello cazzo con veemenza. La sua bocca aspira mentre la lingua mulina la cappella con maestria, portandomi spesso ad orgasmi violenti che le scaricano in bocca tanto sperma, sebbene lei dice che non le faccia piacere, assolve sempre. Difficoltà di dispareunia nella penetrazione vaginale, che sta superando grazie al rilassamento e contrazione della sua forte muscolatura pelvica. Leccandola cola e gode in multi orgasmo fino ad arrivare a squirtare con una cremina biancastra, dove io mi ci lavo il viso. Agli appuntamenti si fa’ trovare docciata e in intimo, e mi porge il culetto che oramai è il nostro canale preferenziale, dove anche lei se stimolata prova orgasmi. Vive sola, in due case a disposizione; una in un paese nella provincia dove se organizzati passiamo notti intere. Oramai è aperta dietro, e sono stato io che l' ho sverginata tanto che mi considera un marito. Le prime volte che le sborravo in culo, era in infracoscio laterale sul lettone matrimoniale dove cazzo in culo e dita in figa le facevano gridare e sbrodare piacere. Si muove con fare felino, e dà l’idea di una prostituta d' altri tempi, nel modo di muoversi e provocare. In gonna e tacchi un pomeriggio senza farmi lavare o altro, si china a 90* con le mani sulla sponda del letto a gambe leggermente divaricate; io le alzo la gonna e spostando lo slippino, con la lingua le inumidisco il forellino anale, per poi slacciarmi e puntarci la cappella dura, facendo in modo che lei stessa con lenti movimenti del bacino, si impali facendo strada nel pertugio anale. Negli affondi urla di dolore/piacere e una volta allargatole il culo, il cazzo anche a letto dopo la prima, trova con lei di lato, me alle spalle che le stantuffo il buchetto che oramai le brucia, ma con piacere, senza fatica a trovare la strada. Dice che le fà male, ma subito dice che le piace nel culo, altrimenti non lo faceva. Devo farle indossare una catsuit a rete e visto il fisico le donerebbe moltissimo. Una sera mi parlò infoiata e disse " rompimi il culo, sono la tua puttana", volentieri, visto che avevo fatto un viaggio lunghissimo per passare quella notte con lei e per poi ritrovarmi al mattino di nuovo a 135 km. di distanza per lavoro; lei non ricorda di avermelo detto, ma è gelosa e si sente dentro " la mia puttana anche se non le viene dirlo apertamente", per l’educazione, delle persone che fanno i fatti ma non parlano molto dirty. All’inizio nei video, postavo facendo credere fosse mia suocera. Molti ci hanno creduto e a prescindere riceve complimenti come donna anche se poi ho smentito che fosse realmente mia suocera. Oramai pretende che la faccia godere e leccarle il clitoride la manda in visibilio, tanto che al momento dell’orgasmo stringe la testa in mezzo alle sue cosce, e talvolta la stretta è così forte da strangolarmi e schiacciarmi la testa. Nei periodi in cui non la vado a trovare mi sogna e si risveglia bagnata fradicia; sono la sua droga oramai, e anche al mare insieme alle amiche sfoggia costumi leopardati che seppure coperti, lasciano capire le fattezze di un culo sodo e generoso. Altro che terza età; siamo noi i vecchi. Quando sono a casa sua sono a mio agio , in completa libertà e delle volte abbiamo visionato insieme qualche film porno; suscita la sua ilarità che vi sia una pornostar italiana matura che le somiglia. La pornostar mi sembra si chiami o faccia chiamare " Carlotta" e nel film " Nonna che voglia" mi impressiona la rassomiglianza anche se l’attrice è di poco più giovane. Rosalinda oramai è un culo aperto, che non si stanca e mi cerca, perché del mio cazzo e della mia freschezza ne è drogata. Come io da buon porcello, sono alle stelle solo al pensiero di incularla, e con un culo grosso così molti ci vorrebbero stare. nella casa di paese indosso un pigiama che mi ha comperato per le notti, ed indosso una giacca da camera in flanella del defunto marito, quando caldo dal letto mi allontano a fumare, naturalmente il tutto corredato di ciabatte personali. Ha confessato che col defunto marito, non era mai giunta a certe vette, sia perché un tipo tradizionale, sia perché ripeto, il matrimonio uccide il sesso. il marito sembra proiettasse in super 8 filmini porno svedesi, ma lei non era presa all' epoca come oggi con me. Ha incominciato a sbirciare i fil porno che trasmettono in tarda serata su qualche rete locale; oramai è rodata e si sente donna, ma ragazzina vogliosa di trasgredire e vivere la vita che non ha mai vissuto prima. Una canzone degli anni 60 citava " sì, sì lo so che piace pure a voi, ma il bello è che vuole bene a me" ed è vero. Mi ha eccitato far credere che fosse la mia suocera incestuosa e che fosse di facili costumi, certo è che molti si segano davanti ai video delle inculate, mentre si veste in intimo o mentre sbocchina. Dove trovate nei video " suocera" la protagonista è Rosalinda. Conto di girare altri video più curati, e con lei in misè diverse. Mi fà i complimenti dicendo che sono " bello" ( per lei, non vede bene), ed ho un cazzo stupendo( beh modestia a pare non è l' unica donna che me lo ha detto, e incomincio a crederci, e lei sa che il suo culo o fondoschiena mi manda al manicomio, e dai video si evince, e si elogia da sola, ridendo sotto i baffi, mentre appoggiata a pecora sul tavolo da cucina il trenino entra e esce dalla sua galleria. E' stupendo incularla tenendola per i fianchi opulenti, o assistere al tentativo di divaricare le stessa con le mani i glutei, per dilatare l’ano e invitarmi all' ingresso. (Dai video si evince e parlano chiari). È sempre pulita e credo pratichi doccette anali, in quanto per quanto vada profondo non sì è mai sporcato di merda il cazzo, cosa che con altre accadeva talvolta. Solo il parlare a telefono eccita si lei che me. L’argomento culetto è sempre presente nei discorsi in quanto è cosciente del potenziale che esercita su me. Per il resto appare, discreta e morigerata, e nemmeno con le amiche lei dice di non parlare mai di noi due. La figa sembra essere diventata più elastica e tonica e durante l’eccitazione si gonfia a dismisura con un bel clitoride sotto un folto cespuglio di peli ancora scuri e selvaggi come un bosco. Devo tenerla con mè in quanto è una persona affidabile e consolidata, ed è mia.

Erotika

Esplora una vasta collezione di storie e libri su Erotika. Trova la tua prossima lettura preferita o condividi il tuo capolavoro!