Una preghiera e poi tutto in culo

strega bisex
a year ago

Non sono sicuro uno che frequenta la chiesa tutte le domeniche...anzi...sono tendenzialmente spinto verso dimensioni molto più oscure...

Un caro amico di famiglia, prete, un giorno venne a trovarmi, incuriosito da voci che aveva sentito in giro sulla mia appartenenza a sette sataniche.

Divertente la cosa, sono sincero.....

Sta di fatto che alle 6 del pomeriggio di una domenica piovosa me lo vedo arrivare alla mia porta di casa...

Ciao come stai? dice lui vedendomi

Bene dai...vieni vieni entra.

Beh di domenica in casa non vado vestito come se dovessi uscire...pantaloncino largo senza mutande, maglietta e giacchino pesante viste comunque le temperature.

Lo feci accomodare e gli offrii una tazza con qualcosa di caldo.

Ci sedemmo uno accanto all'altro e cominciammo a parlare del più e del meno...

Ad un tratto la sua conversazione cominciò a prendere una piega strana...

Ma come mai non ti vedo mai in chiesa?

Lo sai che non sono uno che frequenta ...non l'ho mai fatto in vita mia

Si si lo so lo so....però sai entrare ogni tanto fa bene allo spirito....

Beh sicuramente.... ma fa bene anche allo spirito starsene tranquilli a casa propria....

Ma hai mai sentito o frequentato qualcuno "sbagliato"?

Questa parola mi lasciò un po come dire...stranito...

che intendi?

Intendo qualcuno di negativo per te e per la tua anima....

Al momento non capivo dove voleva arrivare....

E l'occhio gli cade sulla maglietta ....

Ecco...per esempio...intendo questo..che simboli hai addosso? Dai da te non me lo aspetterei mai? Sei sempre stato molto timoroso e bravo....

Hei...ma è una maglia...ma che discorsi mi stai facendo...eppoi questa maglia me l'ha regalata una persona a cui tengo molto....Ma se vuoi la tolgo così non ne parliamo più...

E mi tolgo prima il giacchino e poi la maglia restando a petto nudo...caldo non era per cui rimetto il giacchino...

Vedevo che il suo sguardo era diverso...mi accorsi che mentre parlava con me l'occhio si spostava verso il mio petto peloso....

ad un tratto si alzò per andare a posare la tazza e mi accorsi per la prima volta del grosso pacco che aveva....

Mi un scì un ..azz complimenti...

Lui molto imbarazzato fece finta di nulla...

però stando seduto accanto a lui mi accorsi che il suo cazzo era diventato duro...e lo si vedeva in manira assolutamente nitida...

Cercai di non pensarci...ma lo sguardo era sempre lì... tanto da farmi eccitare...ma io a differenza sua non avevo le mutande sotto il pantaloncino e la cosa si notò immediatamente...

Lui mi chiese come mai avevo avuto questa reazione...e io gli dissi che guardando il suo pacco e accorgendomi della sua erezione non potevo fare a meno di eccitarmi....

sorrise...e mi prese la mano...sembrava un gesto assolutamente innocente, di affetto fraterno...e invece no...la strinse forte e mi costrinse a inginocchiarmi...

Cosa fai? mi vuoi pregare adesso?

Io abbassai la testa e risposi: Si padre..

Prega allora....prega il mio cazzo....

Mi costrinse a mettere le mani giunte e a pregare...una sorta di preghiera inventata che fosse di adorazione del suo cazzo...

Mentre pregavo lui abbassò il pantalone e mi mise davanti del cazzo duro e grosso...

Lo cominciai ad annusare piano e a baciarlo...ad un tratto lui prese il rosario che aveva in tasca, cinse il cazzo, e mi costrinse e leccare...

Leccami, leccami.......lecca la croce...

Io obbedii e cominciali a leccare il cazzo e la croce...

Ti piace?

Si padre...

Pregalo allora...

E ricominciai a pregare....allora lui mi fece rimettere in piedi e mi girò, poi mi abbassò il pantaloncino...

Prega bastardo...prega il mio cazzo che ti benedice...

e mentre lo facevo lui spinse dentro quel cazzo...Io ero vergine in culo e urlai dal dolore....

Prega bastardo...prega il mio cazzo... ora dentro di te....

Si padre.... dissi quasi con le lacrime agli occhi ma incapace di ribellarmi, avevo paura che il cazzo grosso

mi potesse ferire ancor di più se mi fossi ribellato.

mi diede colpi molto forti tanto da farmi uscire il sangue vista la forza, la spinta e la grandezza...

si fermo e lo tolse lentamente dall'ano.

Puliscilo....guarda ...pulisci tutto

e leccai il suo cazzo sporco anche del mio sangue...

Sorprendendomi si girò di scatto e poggiò le mani sul tavolo, come arrendevole:

Adesso scopami tu. Devi fare come me, porco, tutto dentro e subito senza pietà! Puniscimi per ciò che ti ho fatto!

Io senza pensarci due volte avvicinai il mio cazzo al buco...

Dai, Scopami e pensa intensamente ai simboli che avevi prima nella maglietta

Io cominciai a pompare il mio cazzo dentro e fuori il suo culo...

Fottimi e dimmi quello c he ti viene voglia di dirmi...

Si padre

e allora bestemmiai....e non una volta sola ma cominciai a dirne una dietro l'altra...e lo scopavo sempre con più velocità...fino a sborragli nel culo....

Abbassati, peccatore, tu che hai preso la parte più intima di me. Ora Leccalo, lecca il buco dal tuo sperma immodno, e pulisci tutto ora....

mentre leccavo lui spinse fuori la sborra sporca che finì nella mia bocca....

Adesso vieni qui, leccami il cazzo...e me lo spinse in bocca... tutto

attorno aveva ancora il rosario...prese la croce e me la mise in bocca insieme al cazzo

Leccalo ....e cominciò a recitare il padrenostro...nel giro di pochissimo sentii la bocca piena di sborra calda...la ingoiai ...non riuscii a farne a meno...

anche perché da quel grosso cazzo cominciò ad uscire tano sperma...lui mi tratteneva la testa e io dovevo ingoiarla....

Grazie padre dissi, rivestendomi

Verrò più spesso a trovarti, disse il prete...vedrai che ci riavvicineremo..

Erotika

Esplora una vasta collezione di storie e libri su Erotika. Trova la tua prossima lettura preferita o condividi il tuo capolavoro!