L'adolescente vergine

sesso italiano
7 months ago

Dallo spazio di un autore "misterioso" (nel senso che potrebbe essere una LEI a deliziarci) un brusco racconto realistico sulla perdita della verginità. in un posto squallido ma per questo eccitante. Buona lettura del racconto di #affamato, titolo originale: Le prime volte.

======================================

Dopo due mesi di baci in bocca e palpeggiamenti ma senza esagerare fatti negli androni dei condomini o in strada verso sera,qualche sega con sborrata sulle mani e ditalini con la mano dentro le mutandine non ne possiamo più di questi incontri quasi segreti e così pensiamo che la cosa migliore per lasciarci andare è andare in un cinema al pomeriggio,poca gente e possibilità di fare tutto entusiasti organizziamo l’incontro

Sono eccitata e spero di riuscire a prendergli il cazzo in mano per una bella sega o per un pompino e così mi preparo senza mutandine e senza reggiseno,gonna larga e comoda così può metterci le mani dentro senza farsi vedere troppo.

Arriva e salgo in macchina,subito un bacio con le lingue che si incrociano e una carezza alle gambe e subito arriva alla figa

“ahhhhh sei senza mutandine splendido vedrai che ti farò venire a ripetizione senti,sentimi il cazzo è già duro e pronto a sbragarti”

Metto una mano sulla patta e lo sento già pronto,una carezza e gli dico che non vedo l’ora e così tra una palpata e un bacio veloce ai semafori arriviamo al cinema.

Andiamo in galleria e anche in assenza di luce noto che ci sono due coppie che sono già abbracciate strette e immagino cosa stiano facendo.

Ci sediamo e subito Franco mi infila la lingua in bocca e le mani sono già sulle tette,appena sente che non ho il reggiseno mi apre la camicetta e ne ingoia una e una mano è già arrivata alla figa;io divarico le gambe per aiutarlo e ho due dita dentro che mi massaggiano il clito,sono già bollente e sento la figa che cola e mentre lo lascio fare riesco a aprirgli i pantaloni e gli tiro fuori il cazzo e inizio a menarlo e riesco anche a accarezzargli i coglioni.

Mentre siamo così impegnati volgo gli occhi alle altre coppie,ne vedo una in ginocchio e immagino stia spompiandolo,l’altra invece si è seduta sopra e credo abbia il cazzo o nella figa o nel culo.

Io non resisto e così gli scappello il cazzo e mi chino su di lui,bocca aperta e ingoio tutto e inizio a lavorarlo con la lingua,lui gradisce e insisto sperando che mi faccia bere tutto e il porco si sposta dalla figa e mi infila due dita nel culo dicendomi che lo vuole allargare per poi incularmi.

Io non so se mi piace o meno ma di sicuro ho la figa che è un lago e voglio bermi tutto quello che mi darà il suo cazzo,cosa che avviene poco dopo con una scarica di spruzzi che quasi mi soffocano ma riesco a ingoiare tutto, mi sfilo dal cazzo leccando le ultime gocce e con un sorriso caccio la lingua in bocca a Franco che continua a rovistarmi il culo.

“Franco sono così eccitata che mi viene voglia di pisciare adesso vado ai gabinetti”

“ma sei scema,da sola ai gabinetti,come minimo trovi due o tre che ti obbligano a prendere cazzi in tutti i buchi non ci penso proprio dai ti accompagno vieni e rimettiti a posto”

Andiamo verso i gabinetti e apro la tenda che copre l’ingresso sento delle voci ma ci dirigiamo dritti verso ii corridoio,apro una porta chiusa,il cesso fa schifo,sporco e con il gabinetto alla turca e la porta non ha il chiavistello

“Franco vieni dentro io piscio e tu tieni la porta per favore dai aiutami”

Mi piazzo sulla pedana e mi sollevo la gonna,per fortuna sono senza mutandine,e inizio a pisciare,Franco si è addossato alla porta e a vedermi e a sentire la mia pisciata si tira fuori il cazzo e lo mena.

“vederti così sei eccitante al massimo fammela vedere bene mentre pisci uhhh che spettacolo mi viene voglia di pisciare anch’io,non so se pisciarti o sborrarti addosso cosa vorresti??”

“smettila non fare il cretino fammi finire e poi andiamo via,come faccio a pulirmi?non c’è un pezzo di carta la terrò umida per te caro il mio porcello,ho finito andiamo”

Appena usciti sentiamo ancora voci che provengono da un altro cesso e sono di sicuro di donna e uomini,ci avviciniamo alla porta che è chiusa ma ha un piccolo spiraglio e così mi metto a sbirciare.

C’è una praticamente nuda chinata con un cazzo in bocca e un altro che le punta il culo ma in quel momento non la sta inculando ma le sta pisciando addosso dicendole che appena finito le spaccherà il culo;sento una fitta alla figa pensando che vorrei essere io a subire quella lavata mi strigo il cazzo di Franco e mi stacco dal cesso e gli dico di andare che dopo gli racconto.

Rientriamo e le due coppiette sono uscite,siamo soli,Franco capisce subito l’occasione e mi apre la camicetta e inizia a impastarmi le tette,le lecca e con una mano mi solleva la gonna

“siediti a gambe spalancate voglio sentire il sapore della tua figa pisciata,uhhhh che buon odore stai ferma che forse riesco a infilarti il cazzo,spostati in avanti così brava!! Ecco sei pronta????? Ecco arrivooooo”

Mi sento quasi spaccare in due ma ho la figa talmente bagnata dalla voglia che il cazzo entra senza problema e lo sento tutto dentro fino ai coglioni

“ahhhh Franco mi hai sverginata ma è bellissimo dai chiavami fammelo sentire voglio godere siiiii ancora ahhhhhh bravo sei splendido arrivaaaaaa l’orgasmo mi squassa non ho mai goduto così tanto,dammi il cazzo voglio sentire il sapore della mia figa mentre mi riempi la bocca”

Franco accetta subito e non fa in tempo a mettermi il cazzo in bocca che uno schizzo mi arriva in faccia prima di sommergermi di un fiume di sborra e quasi soffocarmi tanta ne ha sparato quel cazzo.

Usciamo dal cinema ma sia io che Franco siamo ancora eccitati e vogliosi di provare altre cose e così ci viene l’idea di andare in un albergo,quelli a ore per le troie,ne proviamo uno che non ci chiede nessun documento e possiamo salire in camera.

Appena chiudiamo la porta siamo scatenati,lingue in bocca e mani da tutte le parti,io che non ho l’intimo in un attimo sono nuda e aiuto Franco a levarsi tutto,in un attimo siamo nudi e ci fermiamo a vedere i nostri corpi per la prima volta in tutta la loro bellezza.

In un attimo ricominciamo ,tette,figa e culo vengono leccati,accarezzati ma anch’io sono eccitata così lo lecco tutto inclusi i capezzoli che gli fanno venire il cazzo ancor più duro del npormale,lo voglio ancora nella figa ma Franco ha altre idee.

Si sdraia sul letto e mi dice di spompinarlo,cosa che faccio con amore,ma mentre ho il suo cazzo in bocca mi dice di mettergli la figa in faccia e in un attimo mi arriva un orgasmo incredibile,mi sta leccando la figa e il culo aiutato anche dalle dita che mi rovistano i due buchi,io presa dalla voglia mentre ingoio quasi i coglioni gli infilo un dito nel culo e quasi immediata mi arriva una sborrata incredibile.

Erotika

Esplora una vasta collezione di storie e libri su Erotika. Trova la tua prossima lettura preferita o condividi il tuo capolavoro!