Dalla chat alla sodomizzazione

sesso italiano
5 months ago

Per i selezionati una storia di @purcit. Titolo originale: Una chat galeotta

=============================

Tutto inizia quando in una chat incontro un donna di 50 anni. Lei mi chiese se avessi voluto incontrarla. Naturalmente accetto, in attesa dell' incontro ci scambiamo un po' di e-mail...piuttosto spinte. Mi da appuntamento in un bar, molto noto, del centro. La riconosco subito dalla descrizione che lei mi aveva fatta. Però, c'è un però...era assieme ad un altra donna di circa la sua età.

Devo dire che sono due belle signore, mi siedo al loro tavolo, ordino un caffè e iniziamo a parlare.

- Ti sei meravigliato?- Chiede la donna conosciuta in chat.

- Veramente...si, non credevo di trovare due belle signore- rispondo imbarazzato.

- Io sono Lucia, ma questo lo sai già, lei è Lidia, una mia carissima amica...diciamo che siamo amiche per la pelle-.

- Io sono Gianni-dico porgendo la mano a Lidia.

  Rimaniamo nel locale per circa una ora. Poi Lucia dice:

-Bene, è ora di andare-

- Dove andiamo?-chiedo io.

- A casa mia, è appena fuori città- risponde Lucia.

- Non te ne pentirai- replica Lidia rivolta a me.

 Arriviamo alla casa dopo un venti minuti di macchina. La casa è una vecchia villa tenuta molto bene, circondata da un parco abbastanza grande.

Entriamo nella villa.

- Questa è la mia magione-dice Lucia sorridendo e facendo un ampio gesto con il braccio.

Lei mi fa visitare la casa, arredamento molto moderno, ampio soggiorno, una cucina modernissima. Saliamo al piano superiore, Lucia davanti a me. La osservo, ha un culo bello, grosso, delle gambe da schianto. Sono tentato di allungare le mani, ma mi trattengo, non vorrei rovinare tutto.

Mi mostra la camera da letto, molto ampia, con un letto enorme e ai piedi del letto due poltrone. Su una parete è fissata un tv da 55 pollici, sotto alla tv un lettore dvd. A fianco del lettone, fissato alla parete, c'è un grande specchio e agli angoli dello specchio sono fissate due webcam. A quella vista, immagino cosa sia stato fatto in quella camera, e al pensiere sento il cazzo indurirsi. Mi faccio ardito. Abbraccio Lucia, la bacio. Con le mani le frugo tutto il corpo. Le palpeggio le natiche sode, i seni ancora duri...allungo una mano e le accarezzo, attraverso il vestito, la fica. Lei geme, e 

gettando il capo all' indietro sussurra:

- No, non ora, ne abbiamo di tempo. Ora scendiamo nel soggiorno-.

E li mi trovo una sorpresa che mi fa strabuzzare gli occhi. Lidia e mollemente distesa sul divano, ma...completamente nuda!

- Non perdi tempo eh!- esclama Lucia rivolta all' amica.

Io ho il cazzo durissimo. Lucia se ne accorge, mi si avvicina e poggia il palmo di una mano sulla patta dei miei pantaloni. Me la apre, la sua mano fruga e mi estrae il cazzo.

- Mmm, notevole, sei ben fornito come piace a noi due-dice.

- Dai! Spogliati...- interviene Lidia.

Non me lo faccio ripetere, in un baleno sono nudo. Lucia mi segue. Siamo tre corpi nudi in preda alla lussuria. Io sono in piedi, loro si avvicinano. Lucia mi prende il cazzo in bocca, inizia a succhiarmelo. Lidia si avvicina e mi lecca e succhia i testicoli gonfi. 

- Ci sapete fare...-mormoro. Provo un piacere che non avevo mai provato, specialmente quando Lidia mi in fila due dita nel culo continuando a leccarmi i testicoli.

Il piacevole gioco dura a lungo, fino a che io non resisto più.

- Sto per godere...sento che sto arrivando...godo...godooo....- grido, eiaculando copiosi schizzi in bocca a Lucia che inghiotte tutto lo sperma.

Poi mi siedo sul divano fra le due. Lentamente il cazzo mi si ammoscia.

- Guardalo ora-dice Lidia indicando il cazzo- come è piccolo ora.

- Si, ma ci pensiamo noi a farglielo ingrossare, vero? Visto che Gianni è uno che dura- risponde Lucia.

- Vado a farmi una doccia-dico- dov'è il bagno?- chiedo.

- Di sopra, ti accompagniamo noi-rispondono quasi all' unisono.

                                    2

Il bagno era molto grande, con una vasca a livello del pavimento e la doccia in un angolo.

Mi infilo nella doccia, loro mi seguono e mi insaponano, lavandomi per bene e indugiando sulle mie parti intime.

- Fate piano- le imploro- altrimenti...-.

- Altrimenti?-chiede Lidia.

- Me lo fate indurire nuovamente...-rispondo.

Dopo la doccia indossiamo degli accappatoi e scendiamo in cucina. Lucia prepara qualcosa da mangiare.

Mentre ceniamo parliamo di noi.

- Quanti anni hai?-chiede Lucia.

- Ne ho 45, e penso ben portati...- rispondo.

- Dall' arnese che hai fra le gambe...direi proprio di si- replica Lidia, con un sorriso.

- E...voi due, come vi siete conosciute?- chiedo.

- Bhe..dopo il mio divorzio cercavo una collaboratrice che mi aiutasse nelle faccende di casa, e ho trovato Lidia. ci siamo subito affiatate. Specialmente il giorno che la ho scoperta nuda, in camera mia, che stava vedendo un film porno in dvd. Lei era nuda, a gambe larghe e si stava masturbando- risponde la padrona di casa.

- E...come hai reagito?-chiedo.

- Semplicemente mi sono spogliata, e accanto a lei anche io mi sono masturbata. Dopo l' orgasmo ci siamo abbracciate, ci siamo baciate, abbiamo esplorato il corpo di una dell' altra...con carezze sempre più lussuriose.- risponde Lucia.

- Lo fate spesso?- chiedo.

- Ogni volta che ne abbiamo voglia...e tu, ti masturbi spesso?- interviene Lidia.

- Anche io, sono single, e spesso mi masturbo pensando a fantasie sessuali...Ma ora, penso che sfogherò le mie voglie in altro modo- rispondo. 

  Poi ci spostiamo nel soggiorno, gli accappatoi cadono sul pavimento, ero nuovamente nudo e col cazzo durissimo di fronte a loro.

Lucia mi prende per mano dicendo:

- Andiamo in camera, staremo più comodi-.

Mi stendo sul letto, con il cazzo bello ritto. Lucia mi sale a cavalcioni e lentamente si impala, fino in fondo. Allungo le braccia e le palpeggio i seni. Lei mi cavalca lentamente. Guardo Lidia, ella indossa uno strap-on e si avvicina a noi. Lucia si distende su di me, Lidia le si pone dietro, punta l' arnese all' ano della amica e lentamente spinge.

- Siii...siii...così...così- mormora Lucia.

Io non faccio nulla, sono loro due a condurre il gioco erotico.

L' atmosfera lussuriosa è ormai al limite. Io accelero i colpi nella fica di Lucia.

- Stai per godere...- mi sussura lei.

- Si...siii...non ce la faccio più a trattenermi- rispondo e poco dopo eiaculo abbondantemente nella sua vagina.

- Anche io...anche io...sto godendo...mmm...aahhh...godo godooo- grida Lucia.

 Ci separiamo, sudati e ansimanti, soddisfatti...per ora. 

Lucia si alza dal letto e mi invita a seguirla.

- Vieni- dice- andiamo nello studio.-

Nel suo studio fa bella mostra un computer desktop. Lo accende dicendo:

- Ora ti faccio vedere le riprese delle webcam che hai visto nella camera-.

Quello che stavo vedendo mi fece rizzare il cazzo. Vidi lei, dapprima con un solo uomo, poi con due assieme a Lidia. Stavano facendo tutto, leccate, inculate, chiavate, palpeggiamenti vari. Arriva alle ultime riprese e io mi vedo assieme a lei e a Lidia mentre lei la incula con lo strap-on.

- Guardalo- le dico in dicandomi il cazzo- me lo hai fatto indurire di nuovo....-.

Mi impugna il cazzo, e sempre tenendolo stretto ritorniamo nella camera.

- Allora?- dice Lidia- soddisfatto di ciò che ti ha mostrato?-.

- Si...molto...-.rispondo.

Poi Lucia apre un armadietto, dentro ci sono molti sexy toys sia per femmine che per maschi.

Ne impugna uno, è un masturbatore maschile.

- Penso sia adatto per te, voglio provarlo sul tuo bel cazzone-. dice lei.

Mi distendo sulle lenzuola, con il cazzo ben ritto, Lucia mi infila il masturbatore e mi fa mettere di fianco.

Lidia ci raggiunge sul letto, lei impugna un vibratore. Capisco subito cosa le due signore vogliono farmi.

Lentamente, Lidia mi appoggia il vibratore all' ano, spinge piano, lo sento penetrarmi nel culo mentre Lucia accende l' arnese che mi imprigiona il cazzo.

- Ora- mi sussurra Lidia- ti faremo godere come non hai mai goduto-.

In effetti provavo delle sensazioni mai avute. 

- Mi piace...mi piace...- .mormoro. E mentre lo stavano facendo si titillavano il clitoride.

Loro due sapevano come prolungare il piacere, fino a quando io per molti sforzi facessi 

non resistetti più.

- Sto venendo...sto venendo...godo...godo...non fermatevi...godooo- grido in preda all' orgasmo.

Mi lascio andare disteso, sudato, ansimante, soddisfatto dal piacere avuto.

Dopo una doccia scendiamo al piano terra, nel soggiorno a bere qualcosa. Lucia mi dice:

- Ho un desiderio che ho sempre avuto...vorrei vedere, dal vivo, due maschi che si inculano, puoi soddisfare il mio desiderio?-.

Alla richiesta allibisco. Ma poi pensandoci su le rispondo:

- Veramente, da ragazzo, avevo un amico e ci frequentiamo tuttora, che lo abbiamo fatto. Ma sai, erano i primi ardori sessuali e...non conoscendo ragazze...ci masturbavamo assieme. Poi, un giorno Riccardo, questo è el nome del mio amico si presenta a casa mia con in mano una rivista porno. "guarda cosa ho trovato sul comodino di mia madre" mi dice. Sfogliandola la voglia si impossessò di noi. Ci denudiamo e iniziamo a masturbarci. "Perché non proviamo a incularci" dico. Dapprima Riccardo era titubante, ma poi acconsenti. Quel giorno sono iniziati i nostri giochi. Ci siamo inculati e con soddisfazione di entrambi e continua ancora.

- Pensa che un giorno lo abbiamo fatto davanti alla sua donna!-.

- Potrei contattarlo, spiegherò a lui di cosa si tratta, penso che accetterà. 

- Magari!- esclama Lidia- spiegagli bene cosa l' aspetta...e, a proposito, come è la sua ragazza?-. 

- Ha circa 35 anni, ma è una donna molto disinibita. Domani lo contatto-rispondo.

- Se lui vuole...può venire assieme a lei- dice Lucia.

Poi risaliamo in camera, per dormire perché oramai s'era fatto tardi. Ma prima di coricarci, Lucia e Lidia si esibiscono in un piacevole sessantanove. Che io gustai con piacere.

                                     3

Come promesso, il giorno seguente chiamo il mio amico. Spiego la situazione, lui mi risponde che accetta di incontrarci.

- Però- chiede Riccardo- posso portare anche Elena? Credo che lei ne sarà contenta...dopo quello che abbiamo fatto io e te...con lei che ci osservava masturbandosi!-.

- Nessun problema- rispondo.

Verso sera vado a prendere i miei amici. Durante il percorso verso la villa spiego ad Elena cosa ci aspettava.

- Nessun problema neanche per me, mi conoscete bene tutti e due, e sono impaziente di provare nuovi piaceri...- risponde lei.

Arriviamo alla villa. La padrona di casa ci saluta, Lucia indossa una gonna e una camicetta.

- Lidia dove è?- chiedo.

- In cucina, sta preparando una succosa cena...prima di...- risponde.

- Prima di cosa? - chiedo io.

- Dai! Che lo sai cosa ci aspettiamo!- esclama lei.

  Dopo avere cenato ci accomodiamo nel soggiorno, e per ravvivare l' atmosfera Lidia inserisce un dvd nel lettore.

Le immagini che stiamo guardando sono molto esplicite. Ci stiamo eccitando, lentamente ci spogliamo nudi.

- Pero!-esclama Lucia- anche tu sei ben fornito- indicando il cazzo di Riccardo.

Lui è in piedi, di fronte a lei. Lucia le si inginocchia di fronte, apre la bocca e ingoia il cazzo teso del mio amico. Elena fa altrettanto con me, mentre Lidia si titilla il clitoride.

Il gioco dura poco. Lucia lascia il membro di Riccardo dicendo:

- Su, andiamo in camera, staremo più comodi-.

Guardo Elena che mi sorride compiaciuta. Nella camera, ciò che attira l' attenzione dei miei due amici, è il grande specchio a fianco del letto.

- È per eccitarvi di più quando fate i giochi?- chiede Elena, vedendo i nostri cinque corpi nudi riflessi.

- Si.- rispondo io- ed è molto eccitante.-

Lidia prende per mano Elena, la guida sul grande letto, poi inizia ad accarezzarla. Le loro mani frugano il corpo l' una dell' altra. Si baciano, si palpeggiano a vicenda. Una scena molto eccitante. Io Riccardo e Lucia siamo spettatori compiaciuti alla vista delle due donne, Lidia è distesa sulla schiena ed Elena le sta accarezzando la fica. Poi anche lei si distende su di lei, nella posizione del sessantanove. Le loro lingue saettano sui sessi, leccando e succhiando. Guardo Riccardo, lui sorride e mormora.

- Non conoscevo questo lato di Elena...- e dicendo ciò si masturba lentamente.

Saliamo anche noi tre sulle lenzuola. Riccardo disteso sulla schiena, Lucia monta sopra di lui, lentamente si inpala sul cazzo duro del mio amico. Poi si china in avanti mentre lui la chiava lentamente. Io mi pongo dietro ai due, il culo di Lucia è un invito. Sfrego il mio cazzo duro fra le natiche della donna, lo appoggio sull' ano, inizio a spingere.

- Fai piano- dice Lucia.

Allora, lentamente spingo, la mia asta turgida si immerge, fino ai testicoli. La inculo con colpi molto lenti.

- Si...si...così Gianni...mi piace...mi piace...due cazzi in me...è da tanto che non lo facevo- mormora Lucia.

Al nostro fianco, Elena e Lidia erano sempre più infoiate, ormai erano in preda alla lussuria più sfrenata. Io e Riccardo non eravamo da meno, sentiamo avvicinarsi l' orgasmo e ci lasciamo andare.

- Godo...godooo...ahhh...godiamo...godiamo...godiamooo...- sussurro io. ci fa eco Lucia:

- Si...siiii. godete...scaricatevi in me....voglio sentire i vostri schizzi....-.

La accontentiamo con copiosi schizzi di sperma entrarle nei suoi orifizi.

Frattanto anche Lidia ed Elena avevano avuto un superbo orgasmo. Rimaniamo tutti e cinque in silenzio, ansanti e soddisfatti. Poi ci separiamo.

- Che goduta ci siamo fatti, non credevo mi piacesse tanto farlo con una donna- dice Elena.

- È stata la prima volta per te?- le chiede Lucia.

- Si...la prima volta...ma ora credo lo farò più spesso-. risponde lei.

  Poi Lidia scende al piano terra, risale dopo un po' con un vassoio pieno di bevande.

- Per ritemprarci...- dice.

Dopo una mezz'ora siamo nuovamente pronti per altre sensazioni.

- Ora tocco a voi maschietti- dice Lidia.

- In che senso?- chiedo.

- Che vi inculate...e questo che noi porcelle vogliamo vedere- risponde Lucia.

Elena e Lucia ci masturbano, ora i nostri due cazzoni sono bene in tiro. Lidia si avvicina a me e spalma una crema lubrificante sul cazzo di Riccardo, mentre Elena mi spalma la crema sul mio buchetto.

- Dai! - Esclama Lucia- tocca voi maschietti ora...-.

Io mi metto alla pecorina, Riccardo mi si pone dietro. Il suo glande si fa largo nel mio culo. Provo un leggero fastidio, ma che dura poco. Lentamente sento la sua asta penetrarmi, fino ai testicoli. Guardo verso le donne, Lucia ha indossato uno strap-on e si pone dietro ad Elena. Riccardo mi incula con delicatezza, guardo Elena, lei ha lo strap-on nella fica e Lucia la sta chiavando von il dildo.

Lidia si distende sotto di me, mi prende il cazzo in bocca, me lo succhia e con una mano mi palpeggia i testicoli.

Provo una sensazione di piacere estremo. Riccardo che mi incula e lei che mi fa un pompino. Il gioco dura a lungo, fino a che non sento Riccardo che si irrigidisce e degli schizzi di sperma si scarico nei miei visceri. E...anche io godo, godo schizzando in bocca a Lidia, che ingoia tutto lo sperma.

- Bravi, bravi, finalmente ho visto due uomini, dal vero, incularsi- esclama Lucia.

  Più tardi, dopo esserci lavati e profumati, rientriamo in camera. Siamo freschi, puliti in attesa di ulteriori giochi.

Le tre donne si distendono sul letto, Lucia lecca la fica a Elena che a sua volta lecca la fica a Lidia, la quale chiude il triangolo leccando Lucia.

Un bello spettacolo! Inutile dire che a me e Riccardo, il cazzo era di nuovo in tiro.

Il mio amico si distende accanto a loro, e dice:

- Dai, Gianni facciamolo anche noi...-

- Cosa?- chiedo.

- Facciamo un sessantanove...vuoi?-.

- Perché no?-

Mi stendo su di lui, Riccardo mi prende in bocca il cazzo e io faccio altrettanto col suo. Era la prima volta che ingoiavo il cazzo di un maschio. Ci succhiamo, ci lecchiamo a vicenda palpeggiandoci i testicoli. Mi piaceva! 

Accanto a noi le tre femmine stavano raggiungendo l' ennesimo orgasmo. Le sentiamo gemere, sospirare, rantolare dal piacere.

Allora anche noi due acceleriamo il pompino e...presto raggiungiamo il piacere.

Era la prima volta che sentivo schizzi di sperma in bocca! Non mi ritraggo, e ingoio tutto.

Poi ci separiamo e sento Elena che commenta:

- Riccardo, non ti facevo così porco...-

 Fu il nostro ultimo gioco, poi ci mettiamo, a dormire, tutti e cinque sul lettone.

  La mattina dopo, io Riccardo ed Elena ci avviamo verso casa nostra. Durante il tragitto Elena ci dice:

- Certo che quello che abbiamo fatto è stato stupendo-.

- E che potremmo rivederci...- aggiungo io.

- Come? - chiede Riccardo.

- Con la chiavetta usb che Lucia mi ha dato. Le webcam della camera hanno ripreso tutti i nostri giochini- rispondo.

Erotika

Esplora una vasta collezione di storie e libri su Erotika. Trova la tua prossima lettura preferita o condividi il tuo capolavoro!