La mia finta festa di compleanno a sorpresa.

Simona69 Dara
4 months ago

Oggi sabato, è il mio compleanno, mio marito mi chiama e mi dice : ciao stasera per festeggiare il compleanno potremmo andare a cena fuori, ok rispondo a me va benissimo, ma dobbiamo prenotare, certo ci penso io sta tranquilla dice, organizzo tutto io, ti ho anche preso qualcosa di nuovo molto carino.

Va bene ridpondo ti aspetto allora alle sette ok.

Io in tardo pomeriggio, incomincio a farmi un bel bagno rilassante nella vasca, poi mi depilo tutta la mia patata, lasciando solo un triangolino nero sopra, il resto tutto depilato e liscio anche il buco del culo, so che a lui piace tanto così, poi mi faccio un bel trucco un po pesante, come dico io da pantera, e sono pronta.

Mi metto sul divano completamente nuda e aspetto che arrivi lui, con i nuovi indumenti, visto che aveva detto : 

Ti vesto io come una bambolina.

Infatti alle diciannove in punto arriva, sento chiudere la portiera, suona il campanello e io vado ad aprire la porta sorridente, lui entra mi guarda.

Ma sei bellissima hai un fisico mozzafiato, sono di gia eccitato, invece di portarti a cena, ti porterei più volentieri a letto subito ora, no rispondo, andiamo a cena, io ho aspettato a vestirmi, hai detto ci pensavi tu allora? 

Certo risponde, ti ho portato delle cose vieni in camera dai, lo seguo in camera.

Allora guarda, stasera voglio che ti vesti molto sexy, é il tuo compleanno voglio festeggiare con te.

Va bene rispondo, senti prova questi sandali ti dovrebbero andare bene, infatti le infilo molto bellini, di classe tacco undici mi stanno bene, sopra mettiti questo, da una borsa di una butic famosa, tira fuori un mini abito, di colore beige come va di moda quest'anno.

Molto carino dico io, firmato l'avrai pagato caro, non ti preoccupare risponde, per la mia principessa questo e altro. 

Lo indosso mi sta benissimo, dietro intrecciato, la mia schiena e fondo schiena nudi, cortissimo un palmo sotto la fica.

Lui mi guarda, seduto sul letto mentre mi specchio davanti all'armadio.

Sei una fica mozzafiato mi dice, con quel vestito li e i tacchi alti mi fai impazzire.

Mmm mi fa piacere rispondo, ma intimo non hai preso nulla? 

Certo mi risponde mutandine e reggiseno completo firmato anche questo, ma non lo mettere, come non lo mettere dico io un po risentita, no usciamo cosi dai, mi fai arrapate tanto, ok rispondo però io mi sento nuda, mi si vedono anche i capezzoli affiorare dal vestito, perfetto risponde, mi piaci così, ti voglio immaginare seduta al tavolo con la fica nuda fra la gente, che ti divora con gli occhi.

Ok rispondo allora ritocco il trucco e andiamo, mi metto una camicetta leggera sopra, tanto per riparare un po' il mio fondo schiena e andiamo.

Scesi di casa lui fa il vero uomo galante, mi apre la portiera dell'auto e aspetta che io monti, salgo lentamente aprendo le cosce, lui guarda..... Mmm ho visto il triangolino nero e la fica come sei eccitante, 

Ti piace chiedo ?

Siiii moltissimo, ho il cazzo duro, andiamo va. 

Mette in moto la macchina e parte, io allungo la mano per sentire se è veramente eccitato, infatti sento sotto i pantaloni un bel atrezzo durissimo, porco cane gli dico, come fai a essere gia così eccitato, sai amore é più di una settimana che non facciamo niente, poi vestita in questa maniera mi fai eccitare tantissimo.

A capisco rispondo, mi fa piacere sentirmi desiderata, mi crea anche a me una certa eccitazione e un caldo tra le cosce incontrollabile.

Tanto che lui continua a guidare verso il ristorante, io insisto a toccare il suo cazzo sopra i pantaloni, poi provo ad abbassare la cerniera lentamente, lui guida e non dice nulla, io continuo piano piano, all'improvviso trac, salta fuori bai pantaloni il suo cazzo durissimo, io con la mia mano liscia e calda, continuo a massaggiare, avanti e indietro lentamente ma costante, vedo che lui comincia a ansimare, si muove col bacino, mi dice:

Mmmmm mi fai morire, prendilo in bocca, io mi chino sulle sue gambe, lo prendo in bocca con le mie labbra piene di rossetto e lo pompo avanti e indietro, lui si trattiene fino all'ingresso del parcheggio del ristorante, appena fermato la macchina, si rilassa e con bue o tre spasmi, mi riempie la bocca del suo sperma caldo, che io non posso fare altro che inghiottire tutto.

Passato l'attimo di abbandono al sesso, mi asciugo la bocca mi rifaccio nuovamente il rossetto, lui si asciuga il suo cazzo adesso mogio e soddisfatto, scendiamo dall'auto e ci incamminiamo verso il ristorante in questione.

Io sarà per l'eccitazione, di aver fatto un pompino a mio marito in macchina, comunque sentivo le labbra della mia fica bagnata, strusciare una contro l'altra, e la cosa mi provocava una certa eccitazione, al punto di sentire qualche spasmo involontario della mia fica, come se mi stesse arrivando un orgasmo.

Ci presentiamo nel ristorante scelto da mio marito, uno di quelli, come dico io dove ti vengono a servire vestiti da pinguino, e ci vogliono duecento euro a testa , va be entriamo, pensavo io, guarda come é stato bravo mio marito a portarmi in un posto così.

Appena arrivati in sala, ci accoglie un cameriere che ci accompagna al tavolo in una saletta di classe riservata per gli eventi particolari.

Entriamo e io resto allibita senza fiato, mio marito mi ha fatto la sorpresa di invitare altre due coppie.

Io un po risentita, ma me lo potevi dire almeno , mi sarei vestita diversamente, con questo abito cosi corto, senza mutandine senza reggiseno, mi sento una troia, un brivido mi attraversava la schiena.

Tranquilla, mi conforta lui, vai benissimo cosi sei bellissima e arrapante più che mai.

Ci avviciniamo al tavolo, e gli ospiti di mio marito si alzano tutti, per farmi gli auguri di buon compleanno, e mio marito subito me li presenta, la prima coppia la conosco, è la mia amica di lavoro e il suo uomo, poi un'altra coppia con lei molto bella, e il suo compagno un collega di lavoro di mio marito, 

poi per finire un'altra coppia molto strana, lui circa sui cinquanta anni, e la sua compagna avra avuto si e no venticinque anni bellissima, ma non formosa guasi anoressica, chiara di pelle.

Dopo aver fatto tutte le dovute presentazioni, prima di sedersi al tavolo, mio marito mi chiama da parte e mi dice.

Quello che siederà alla tua sinistra, è un russo, che io dovrei convincerlo a firmare un contratto quinquennale con l'azienda per cui lavoro, ne va del nostro futuro, il padrone mi ha promesso che se il contratto va a buon fine, mi promuove da vice a direttore in Italia, capisci cosa significa per me.

Certo rispondo che capisco, ma cosa devo fare scusa, niente mi risponde, tu sia gentile, e cerca di parlare bene di me, dagli sempre ragione e ridi delle sue battute anche se non capisci bene,poi vedi te dove puoi arrivare non lo so, 

ok rispondo ma italiano lo parla?  

Poco un po di inglese il resto russo.

Ok ti mantengo il gioco, ma tu sappi che non mi piace. 

Dunque ci sediamo al tavolo, e cominciamo a guardare il menù, davanti a me ho la mia amica, che mi guarda con occhi maliziosi, per via del mio vestito corto e scollato, io contraccambio con uno sguardo serio, come per dire se dici qualcosa del vestito ti uccido, accanto a me alla mia sinistra, il russo, un uomo sui cinquanta, molto serio con sguardo profondo che non sorride mai. 

Mentre guarda il menu, ogni tanto mi lancia delle un'occhiate alle mie tette e fra le cosce dove io tengo guasi sempre la mano per tamponare la mia gonna corta, e non solo poi si appoggia allo schienale della sedia, per guardare il mio fondo schiena, insomma mi sento mangiata con gli occhi.

Accanto al russo ci sta l'amico di mio marito, la moglie di fronte e accanto a lei, la compagna del russo, che poi mio marito, mi ha spiegato che non é compagna ma bensi la segretaria personale che lo segue sempre nei suoi spostamenti.

Visionato in menù, ordiniamo, aspettiamo e intanto parliamo bel piu e del meno per fare conoscenza.

Ad un certo punto il russo, dopo aver parlato molto con mio marito, presumo per questo famoso contratto, si volta verso me e mi dice in inglese :

What a beautiful woman you are, curvy and provocative, very exciting, I would do crazy things for you.

Io sorrido non capisco tutto ringrazio, mio marito mi strizza l'occhio, il russo sembra apprezzare, infatti mi sorride per la prima volta.

Poi continua, mi prende la mano che io tenevo sopra le gambe, cosi approfitta per guardare meglio, e dice: bellissima carnagione scura rara in madre Russia poi riposa giù la mia mano, tanto approfitta per toccare la mia coscia sinistra, io chiudo un po di più le cosce, guardo mio marito che mi lancia un'occhiata di approvazione. 

A questo punto riapro un po le cosce, e metto le mani sul tavolo, lasciando la mia fica nuda incustodita.

Il russo sempre parlando con mio marito, non si fa scappare l'occasione, allunga la mano destra, sulla mia coscia sinistra, e scorre fino sulla mia fica bagnata, infilando un dito dentro, e massaggiando il grilletto lentamente mi fa venire mentre guardo mio marito, che sembra che mi dica continua lascia fare. 

La cena continua, fra risate bicchieri di vino, barzellette raccontate dall'amico di mio marito, e dalle toccate di fica e di culo da parte del russo che sembra veramente gradire il mio corpo.  

A meta cena io dovevo andare in bagno, anche la mia amica davanti a me, ci alziamo insieme, la mia amica dice a suo marito, andiamo un secondo in bagno, fumiamo una sigaretta e torniamo, ok risponde. 

Mentre mi alzo dalla sedia, mi accorgo di un particolare non molto carino, la mia fica, che era stata strapazzata dalla mano del russo, lascia un segno bagnato, una impronta, che se avessi avuto le mutandine non sarebbe successo, resto indecisa se mettere sopra un tovagliolo o no, poi lascio perdete e vado verso il bagno, mentre mi giro mi accorgo, che il russo passa un dito sull'impronta della mia fica e se lo infila in bocca sorridendomi, io sono un po imbarazzata, mi incammino verso il bagno, la mia amica mi segue.

Appena arrivate in bagno, mi rilasso un po', la mia amica tutta euforica, hai visto il russo ti spoglia con gli occhi, e lo so rispondo mentre faccio un po di pipi, mi ha toccato la fica per mezzora, in tutti i modi mi ha fatto anche godere. 

Si me ne sono accorta dalle faccia che facevi, poi ti sei vestita veramente scandalosa, stai zitta é un'idea di mio marito, doveva essere una festa privata per me e lui, invece mi sembra una cena d'affari, ma sotto sei nuda, certo rispondo , ho anche bagnato la sedia al tavolo, hahaha, che matta che sei mi fai mori.

Dai andiamo fuori in terrazza a fumare. 

Mentre ci gustiamo una sigaretta, osserviamo il grande parcheggio del ristorante, pieno di macchine guasi tutte di lusso, Lamborghini, Maserati, Mercedes, faccio io , quale sara la macchina del russo, la mia amica, non ho idea, e azzarda, sarà quella Mercedes laggiù, da dietro a noi una voce imponente, vi sbagliate in due, mi giro e vedo il russo che era venuto a fumare anche lui.

Si avvicina mi prende sotto braccio e mi dice : mia auto é quella, e indica col dito una Aurus Senat s 600 tutta nera con vetri neri, e tanto di autista al volante. 

Io resto sorpresa, e esclamo, mai vista una macchina cosi lunga e grossa, il russo che parla malissimo l'italiano, ma è molto sveglio in altre cose, prende subito l'iniziativa, vieni ti mostro interni di mia auto, la mia amica capisce tutto, mi dice vai pure io torno al tavolo, ti aspettiamo per il dolce.

La storia continua nella seconda parte, se avete voglia ancora di leggere, presto la pubblicherò, un saluto da Simona69 dara.

Erotika

Esplora una vasta collezione di storie e libri su Erotika. Trova la tua prossima lettura preferita o condividi il tuo capolavoro!